2012 – L’inizio della fine.

In pieno (o quasi) possesso delle mie facoltà psicofisiche mi appresto a scrivere questo post. Post che, ovviamente, non c’entra quasi un cazzo col titolo.

Questo ultimo giorno dell’anno l’ho festeggiato atipicamente: con i miei e con un amico (che mi spia, di tanto in tanto). Voglia di festeggiare ce n’era poca e, quindi, ho declinato un’altra offerta per fare qualcosa di più intimo e tranquillo. Tant’è che la festa, per me, è finita da circa un’ora.

Dovessi tracciare un bilancio del 2011, non sarebbe positivo. Troppi contro e troppi pochi pro. Pro che si contano sulla punta delle dita di una mano:

– L’aver incontrato il Pornelli e il Cagliano
– L’aver mantenuto i rapporti con la Ammit
– L’aver una compagna di corso particolarmente carina (per non essere brutali, e dire “figa”)

I contro, un po’ li conoscete (uno bello grosso è arrivato poco più di una settimana fa) . Tra gli altri possiamo aggiungerci:

– Mancanza di ragazza
– Ignavia a livello generale
– Perdita di contatto con amici che conoscevo da quasi quindici anni.

Per questo 2012 non ho grandi aspettative. Non ho nemmeno propositi. Ogni volta che ho delle aspettative, queste vengono disattese. Ogni volta che faccio dei propositi, non li rispetto. In compenso, mi sono posto degli obiettivi che mi piacerebbe raggiungere. Nulla di sconvolgente, sia ben chiaro. Quali sono questi propositi? Semplice!

1) Essere meno volgare, quando parlo.
2) Bestemmiare contro tutti gli déi per par condicio. (Povero Dio cristiano, non c’è solo lui :C)
3) Essere più “coraggioso”. O meglio, abbandonare le incertezze che mi bloccavano negli anni precedenti. Anche se, a parole, pare semplice, so già che questa sarà una dura sfida che, molto probabilmente, mi vedrà sconfitto.
4) Perdere gli ultimi cinque fatidici chili. È un anno e mezzo che, per pigrizia, rimando la perdita degli ultimi cinque maledetti chili, è arrivato il momento di concludere l’opera iniziata in precedenza.
5) Essere meno pigro. Quando dico pigro, intendo sia con lo studio, sia a casa, sia a livello di attività fisica, sia a livello di cura del corpo. Penso che la pigrizia e l’accidia siano due tra i miei peggiori difetti (e ce ne sono molti, molti altri). Eliminandole o, più realisticamente, diminuendole, potrei migliorare sotto molti punti di vista.

Magari, col passare del tempo, mi verrà in mente altro, ma per il momento direi che gli obiettivi posti sono più che sufficienti (e duri). Se, tra un anno, ne avrò raggiunto anche solo uno, potrò dire (se mi ricorderò ancora di questo post) di non aver completamente buttato via un altro anno di vita.

Dato che la notte è giovane ma i miei quasi ventuno anni si fanno sentire, auguro a tutti i Portatori dell’Anello e a tutti i Cacciatori di Horcrux una buonanotte.

E un felice anno nuovo. E, se non vi siete posti nemmeno un obiettivo/proposito/aspettativa, sappiate che vi rimane un’ultima opzione: l’estinzione.

Con affetto, CosoACasa.

Cya.

2 commenti

Archiviato in Diario, Riflessioni, Varie ed Eventuali

2 risposte a “2012 – L’inizio della fine.

  1. Un paio di obiettivi o tre me li sono posti. Quindi mi sa che declino l’ultima opzione. Mi auguro che il 2012 sia per te molto meglio di quanto non ti aspetti. A presto.🙂

  2. Coso, cominci a mancare. Se ci sei batti un colpo ogni tanto. Cià.😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...