Decisioni Sbagliate

La premessa di rito è quella che faccio sempre (o quella che dovrei fare sempre): Non sono sicuro di restare in tema col titolo dell’articolo e non so nemmeno quanto mi dilungherò. Ovviamente non so se quanto scritto sarà qualcosa di serio o meno. Ma bando alle ciance e cominciamo.

Nella vita di ognuno di noi ci sono scelte da fare e decisioni da prendere. E a meno che non siate infallibili (e no, non lo siete. Non lo sono nemmeno io, pensate un po’), sicuramente vi sarà capitato di fare degli errori. A volte sono stati errori piccoli ed ininfluenti, altre volte invece sono stati errori della serie “Oh, god…What have I done?”. Penso che sia normale fare gli errori e, sì, contrariamente a quanto detto dai famosi proverbi “Sbagliando si impara” e “Sbagliare è umano e perseverare è diabolico”, non solo sono convinto che sbagliando non si impari quasi un cazzo, ma che sia addirittura normale commettere più e più volte gli stessi errori.

Per esempio, quante volte vi è capitato di non riuscire a rinunciare al maledetto manicaretto che poi andrà tutto sulla pancia e sul culo (l’incubo di ogni donna) o vi farà star male tutta la notte (la mia triste realtà)? Vedete, questo è un esempio lampante: Sapete che non dovreste prenderlo ma, alla fine, vi scambierete un lungo scambio di sguardi. Il manicaretto con voce invitante vi dirà “Mangiami…Non ti succederà nulla. Lo so che mi vuoi” e voi, con aria sprezzante, risponderete “No, caro. Mi hai già fregato una volta, non mi freghi più” ma, dopo queste parole, inspiegabilmente vi trovate un passo più vicino al delizioso bocconcino che vi tenterà di nuovo dicendo “Stavolta sarà diverso, fidati di me” e voi ancora vi negherete e farete un altro passo verso la diabolica pietanza fino a che…Fino a che, con le mani ancora sporche e appiccicaticce e un sorriso soddisfatto dipinto sul volto, non vi allontanerete dal piatto vuoto. Passato un po’ di tempo (nel mio caso mentre sto dormendo beatamente), vi sentirete in colpa (ed io male). Cercherete di giustificarvi (io correrò in bagno imprecando contro di me e gli dèi) e troverete delle attenuanti (beh, per lo meno io troverò il sollievo) e vi direte, colmi di una nuova sicurezza: “La prossima volta andrà diversamente. Non succederà più. Mai più”. Vi autoconvincerete di ciò e cercherete, in questo modo, voltare pagina…Fino alla volta successiva.

Questa qui sopra può sembrare una sciocchezza e può non comprendere tutti, ma in un campo ci si trova tutti sulla stessa barca: le relazioni affettivo-amorose. Ovviamente, in questo campo, non posso parlare di me ma stando vicino a persone che dal punto di vista sessuale-affettivo paiono normali, ho notato come i comportamenti e le decisioni sbagliate siano sempre le stesse con pochissime, e nemmeno troppo nette, sfumature.

C’è chi non sa star da solo. Non so se la sua scelta sia conscia o meno, ma pare proprio incapace di non avere un partner. Appena viene lasciato si dispera, sembra non poter più vivere e, dopo due/tre settimane, sta già infilando la lingua in bocca ad un’altra persona. Siamo sicuri che questo non saper star da soli, questa continua ricerca di compagnia sia la cosa migliore da fare? La decisione (conscia o inconscia che sia) di non stare da soli, senza analizzare davvero i motivi per cui le precedenti storie sono andate male, è quella giusta? Non credo.

C’è chi cerca sempre lo stesso tipo di partner. Inutile nascondersi dietro ad un dito, molte persone cercano sempre lo stesso tipo di persona. Che sia il prototipo “stronzo”, che sia il prototipo “gentiluomo”, che sia il prototipo “belloccio”, che sia il prototipo “intellettualoide” non conta. Ciò che conta è il fatto che, alla fin della fiera, si rimetteranno con la stesso tipo di persona con cui era andata male la volta precedente. L’apice dell’assurdo però lo si raggiunge quando, prima dicono: “Basta, da adesso in poi ho chiuso con gli stronzi” (per esempio) e, la persona con cui si mettono dopo, cos’è? Ovviamente uno stronzo. Non lo stesso, ma pur sempre stronzo. E, se incautamente, doveste fargli notare che si sono rimessi con uno stronzo, prima vi guarderebbero con aria sbalordita, poi con candore diranno “Mannò, non è come dici tu…Questa volta sarà diverso, me lo sento!”. Certo, e io sono babbo natale. Ma dico, ci sarà un motivo per cui la volta prima (e tutte le precedenti) con un tipo del genere è andata male, no? Cazzo, svegliati e cambia target. Ma non sia mai, eh.

Ed infine, l’ultima categoria che analizzerò (ultima perché mi son rotto il cazzo di scrivere) è quella del “Vorrei ma non posso” o del “Potrei ma non voglio” a seconda delle interpretazioni. Questa è una categoria che conosco fin troppo bene, ma cercherò di essere sintetico. Le persone appartenenti a questa categoria sono dei culopesi di prima categoria. Non tentano nemmeno, rinunciano ancor prima per paura del rifiuto. È una condizione quasi patologica da cui, nonostante l’ammorbamento di coglioni fatto da amici, amiche e anche dall’animale domestico, non riescono ad uscire. Or bene, la decisione sbagliata qui sta proprio nel non tentare. Tentare non costa nulla, al massimo faranno una figura di merda da raccontare ai posteri quando saranno vecchi e colti dalla demenza senile. Solo che, essendo uno di loro, so che a parole è facile dire “Massì, chissenefrega, tentar non costa nulla” ma coi fatti…Beh, se facessero fatti non sarebbero in questa categoria, suppongo. Ed è per questa categoria che mi sento di fare un appello agli amici, alle amiche e anche alle bestiole: dato che quelli di questa categoria decidono di non fare nulla, rompetegli i coglioni fino a portarli allo sfinimento. Giusto per farvi stare zitti ci proveranno. Non demordete!

Con questo è tutto, ci si ribecca. Restate sintonizzati (Nevvero, non fatelo, non so quando tornerò a scrivere)

Cya

19 commenti

Archiviato in Diario, Riflessioni, Varie ed Eventuali

19 risposte a “Decisioni Sbagliate

  1. Ahah bel post. Faccio parte di coloro che resistono scarsamente ai manicaretti parlanti, e sono anche un culopeso (bella ‘sta parola non la conoscevo!!) di prima categoria. A differenza di chi non riesce a stare da solo, invece, io ci riesco fin troppo bene. Il mio problema è l’inverso, stare con gli altri. ‘Na via di mezzo mai???

  2. Io faccio parte delle “persone che dal punto di vista sessuale-affettivo paiono normali”?

    E soprattutto, tagliati la barba culopeso.

  3. ellaneivicolipersa

    Cosooooooooooooo
    COSOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    A FARE COSì TI CRESCERANNO I MINIPONI NEL CULOOOOOOOOOOOO
    TROVATI UNA DONNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
    UNA QUALSIASIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
    APPROFITTA PURE DEL RIGOR MORTIS!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Hello! I realize this is kind of off-topic however I needed to ask. Does operating a well-established website like yours require a massive amount work? I am completely new to blogging but I do write in my diary every day. I’d like to start a blog so I will be able to share my experience and feelings online. Please let me know if you have any kind of suggestions or tips for new aspiring blog owners. Appreciate it!
    http://www.businesstraveltours.com is my blog.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...