Social Coso

Girovagando per i blog, mi sono accorto di come molti blogger oltre al loro blog utilizzino uno o più Social Network e sistemi di messaggistica (più o meno) istantanea. Anche io, dal canto mio, per quanto possa essere culopeso e asociale mi sono ritrovato ad avere un account almeno su uno dei tanti SN.

E, vi posso assicurare, che su Twitter non mi trovereste. Dovrei avere ancora l’account, ma non ci loggo da una vita. Non capisco l’utilità di quel Social Network. Potrà pure essere di tendenza quanto vuole, ma io voglio poter scrivere senza limiti. Con centoquaranta caratteri non riuscirei a fare nemmeno un’introduzione decente ad un argomento serio. Tra l’altro, le impostazioni generali e il modo di interagire mi lasciano assai perplesso e non mi hanno mai preso. E, soprattutto, le persone che voglio/mi interessa sentire non credo che lì ci siano (ammetto di non essermi nemmeno mai posto il problema), quindi se siete dei Twitterfag, non incrocerete mai il sottoscritto (gioite).

Su facebook ci sono stato a lungo e mi sono beccato anche un paio di ban per i più svariati motivi (troll, troll, troll, troll, troll…Ah, bei tempi fortunatamente andati). Solo che, diciamocelo, Fb ha sempre fatto schifo a livello di privacy. Finché ha avuto il “monopolio”, non c’era molta scelta. Poi è arrivata la concorrenza (sempre sia lodata Big G). Ma di questo parlerò dopo. Il mio rapporto con facebook è stato quello che si ha con un mezzo di necessità: era l’unico modo per sentire quotidianamente e in modo quasi gratuito gli amici. Tra l’altro c’erano un paio di pagine interessanti che seguivo e a cui mi sono azzardato anche a partecipare con contributi seri. Ma, come detto sopra, poi è arrivato Google Plus. E da lì, ho iniziato a vedere il declino di feisbug. Declino perché tutti gli ultimi aggiornamenti non sono altro che brutte copie (buggate) di quanto trovato da Zucchinanberg su G+ (Possibilità di creare “cerchie”, aggiornamento degli album fotografici, possibilità di fare videochiamate). Anche se, a voler essere sinceri, la merdata più grande è stata quella del diario: una stronzata talmente orrida e inutile che da sola, sarebbe dovuta bastare per abbandonarlo. Tra l’altro, l’utenza media di FB mi è sempre stata sui coglioni. Il motivo? Semplice: tra note senza senso, perbenismo cavalcante, disinformazione e inviti per i cazzo di giochini, ti passava la voglia di starci. Finito il fantacalcio, ci ho impiegato davvero poco a cancellare il profilo e scomparire da quelle tristi lande.

E poi c’è il mio attuale Social Network di riferimento: Google Plus (G+). Si è guadagnato questo ruolo per pochi e semplici motivi:

1) Organizzazione: Mentre trovavo FB assai caotico, G+ con la sua grafica minimale, è più ordinato. Più pulito. E, secondo me, abbandonando le vecchie abitudini, anche più semplice da usare. Un’idea geniale, tra l’altro, è quella delle cerchie. Puoi decidere cosa condividere e con chi a seconda dei contenuti. È il top.
2) La limitata utenza: Perché è un punto di forza di questo Social Network? Semplicemente perché quando una cosa viene aperta al “grande pubblico”, viene rovinata. Fortunatamente, almeno in Italia, questo non è ancora avvenuto e ciò mi fa tirare un sospiro di sollievo…Per quanto su determinate pagine, già inizino a vedersi commenti che mi fanno venire il Male di Vivere (o come lo definiamo tra amici “un cancro”.)
3) La qualità delle discussioni: Soprattutto negli ultimi mesi, si sono registrate discussioni di una qualità elevatissima tra me e i miei amici. Si parla di politica, di economia, di attualità senza interventi fuori luogo di gente che, magari, passava di lì per caso e voleva dire la sua dicendo puttanate grosse come palazzi. Ah, ovviamente a questi “discorsoni” si affiancano pure le stronzate, ci mancherebbe altro.
4) La possibilità di fare videoritrovi: I videoritrovi, ormai sono una tradizione. La qualità audio/video (Ammit a parte) è davvero ottima e anche la stabilità fa concorrenza a Skype. Probabilmente questa è “un’arma” in più e un motivo in più per cui preferisca stare su questo Social Network.

Per quanto riguarda la messaggistica istantanea, invece, ho sia skype sia il dimenticato Windows Live Messenger, ma ormai ho smesso di usarli, in quanto mi rallentano il piccì e mi offrono servizi che, come potete notare, ho già trovato altrove.

Insomma, anche per oggi ho finito.

Questo è quanto.

Cya.

16 commenti

Archiviato in Varie ed Eventuali

16 risposte a “Social Coso

  1. Hai dimenticato di dire che usiamo G+ perché siamo hipsteroni

  2. si, pure io abbandoni zuccairbag per g+.. in realtà però non uso nemmeno quello. Credo di essere social-intollerante; però se effettivamente dovessi proprio scegliere gradirei g+ per la minor presenza di idiozia. Non credo che in Italia farà mai il grande boom, anche perché è a tratti più complesso di fb per l’utente medio-scemo, il che è solo un vantaggio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...