Archivi tag: Cacciatore di Tonni

Meet Coso

La proposta è molto semplice: volete fare qualcosa di diverso nella canicola di luglio? Avete un pomeriggio che non sapete come occupare? Non c’è problema, il vostro Coso ha la soluzione per voi!

L’idea di base è molto, molto cazzara (ma anche carina): fare un raduno con tutti i blogger/lettori in zona Milano per incontrarsi “live”. Per il momento, le presenze sicure sono quella del sottoscritto e, come special guests, la fantomatica Fatina dei Boschi (vi ricordo che è un uomo) e il Cacciatore di Tonni

Dove si dovrebbe svolgere il “meeting”? In Parco Sempione. Perché lì? Perché, fondamentalmente, c’è ombra e ci sono le cicale che friniscono. E poi possiamo metterci sull’erba a parlare tranquillamente.

Quando si svolgerà il “meeting”? Un sabato o una domenica sono le opzioni più probabili, ma valuteremo se è il caso di farlo in settimana, comunque entro il 27/07. (Seguiranno maggiori informazioni, appena avrò le idee un po’ più chiare).

Perché farlo? Per svelare il mistero che aleggia sul leggendario culopeso Coso e le sue mostruose (mapeddavvero) fattezze.

Cosa si farà? Io e i due guests saremo armati con l’equipaggiamento standard: carte da scala/carte da briscola/beveraggio/telo/carte da Solo. Quindi si potrà parlare e cazzeggiare in allegria.

Il ritrovo sarà a Milano Cadorna, nei pressi dello Spizzico. Per le 14.37 (ora di arrivo del mio treno). Aspetteremo gli eventuali partecipanti fino alle 15.00 e poi andremo in Sempione.

Se foste intenzionati a partecipare, fatemelo sapere qui sotto (N.B.: Non state firmando un contratto col vostro sangue, quindi non lo prenderò come un dato vincolante).

In attesa di informazioni più dettagliate, questo è quanto.

Cya.

 

Annunci

30 commenti

Archiviato in Varie ed Eventuali

Cose A Caso 100% affidabile

Non so bene da dove sia uscita questa storia del 100% affidabile e, in realtà, è di poco interesse. In teoria, in questo post, dovrei copiare il link di una pagina web che ha indetto questo concorso e il nome di cinque blogger. Dato che Coso lettore è ancora più svogliato di Coso scrittore e i blog che seguo e vengono aggiornati frequentemente arrivano a mala pena a cinque, penso non farò nulla di simile.

In realtà, i motivi sono altri e, per lo più, puramente personali. In primis non mi va di partecipare ad una mega-catena di Sant’Antonio per ricevere/fare pubblicità. Non mi va, un po’ perché mi pare una minchiata, un po’ perché vorrebbe dire “esporsi troppo”. E l’esporsi troppo, ovviamente, contrasta col modo sempre molto cazzaro con cui ho portato avanti il blog in questi ultimi nove mesi. Nove mesi che mi hanno già portato ad una visibilità maggiore (e non sempre gradita, se proprio vogliamo essere sinceri) e inaspettata (oltre che non voluta).

Oltre al fattore pubblicità/mainstreamità, c’è anche un discorso legato alla continuità. Sì, è vero, in questi nove mesi ho aggiornato costantemente il blog ma, conoscendomi, potrei tornare a pubblicare una cosa ogni sei mesi o abbandonarlo per altrettanto tempo. E, questo, di sicuro non è sinonimo di affidabilità. Ovviamente, questo discorso si ricollega al fatto che sia un cazzone e un culopeso, ma non vorrei essere troppo ridondante e ripetitivo, almeno in sto articolo.

Poi c’è un altro discorso: l’affidabilità, l’utilità e l’originalità delle notizie. Beh, tralasciando che il novanta per cento delle cose che il sottoscritto scrive siano minchiate, non solo non si tratta di nulla di originale ma, spesso, sono anche cose inutili e fini a se stesse che, al massimo, possono riguardare una stretta cerchia di persone che comprende me, me stesso, la Fatina dei Boschi e il Cacciatore di Tonni (quando proprio butta bene). Quindi, anche in questo caso, direi che Cose A Caso non rispetta (più o meno volutamente da parte del sottoscritto) gli obiettivi prefissati.

Alla fine, ma non per ultimo, c’è il discorso legato alla passione che spinge a portare avanti un blog. Beh, non vedo perché dovrei essere premiato. Come già dicevo tempo addietro ad un amico: “Che scriva per due persone, o che scriva per cento, in realtà IDGAF. Lo faccio perché c’ho voglia”. Insomma, premiare un bravo blogger è come premiare un bravo giocatore (novantenne) di scopa ad un centro anziani: un bellissimo riconoscimento senza il quale, però, le cose sarebbero andate nella stessa maniera. E sto parlando di un bravo blogger, non di me (o di quelli del Fatto) che al massimo sono (siamo) blogger della domenica (però io lo faccio aggratis e quelli del Fatto li pagano).

Dunque, io ringrazio sia La Geniaccia e V. per avermi votato ed aver espresso così una loro opinione positiva sul mio blog e per il loro pensiero, ma questa cosa non s’ha da fare. Cose A Caso 100% Affidabile? Grazie, ma no, grazie.

Questo è quanto.

Cya

8 commenti

Archiviato in Diario, Riflessioni, Varie ed Eventuali

Week end movimentato (Com’è andata veramente)

Ebbene sì, questa è l’unica versione ufficiale (e ufficiosa) dei fatti accaduti tra le ore 14.01 di sabato 30 giungo e le 9.53 di stamane (lunedì). Perché, lo so, in fondo morivate dalla voglia di sapere quanto sia stato movimentato il week end movimentato. E, dunque, bando alle ciance e partiamo.

Sabato, dopo l’inutile viaggio in treno, sono giunto a Milano e ho incontrato la Fatina dei Boschi. Ci siamo recati, come da programma, in Parco Sempione, solo che il “nostro” posto era già stato abusivamente occupato da una mandria di persone e dunque ci siamo dati all’esplorazione anche a causa del mio desiderio di allontanarmi dalla strada. La prima sosta ci ha condotto poco lontani da dove ci saremmo dovuti mettere. Dopo un rapido scambio di battute sulla fauna locale e non, ci siamo messi a leggere. E tutto sarebbe andato bene, non fosse stato per il tizio che vende le rose che m’ha fatto perdere il filo un paio di volte e, soprattutto, il gelataio che passando, dopo il classico grido “GEEEEEEEEEEEEEEEEEEEELAAAAAATI” a strombazzato con una trombetta (non quella da stadio, quella che fa un rumore ridicolo) ci ha completamento distolto dalla lettura [Io stavo leggendo il libro sul Nazismo Magico e la Fatina stava leggendo IT, dopo che gli ho rotto i coglioni (no, non ci sono errori, la fatina è un uomo)]. Oltre a quello, il sole stava iniziando ad insidiare la nostra ombrosa frescura e quindi abbiamo deciso di spostarci.

Durante lo spostamento abbiamo avuto la fortuna di incrociare una tartaruga (per la precisione, io stavo per schiacciarla) che pasceva allo stato brado nell’erba, allegrotta e soddisfatta. Una volta avvicinatici ad una fontana con acqua forse potabile o forse no, abbiamo trovato un posto che si confaceva alle nostre esigenze e ci siamo piazzati. Sia io, sia la Fatina abbiamo immediatamente notato una ragazza rosso-chiomata. All’orizzonte, tra l’altro, avevo avvistato un trio di leggiadre fanciulle, due delle quali sembravano avere la pelle di porcellana. I capelli erano delle due bamboline (perché parevano bamboline) erano biondi, una tendeva al platino. Dopo svariati tentennamenti, alla fine, preso il coraggio a ventotto mani ho deciso di vedere se la tizia coi capelli rossi promettesse bene quanto sembrava e…Non l’avessi mai fatto. Per avvicinarmi ho usato la scusa più banale del mondo: “T’oh, va le cartacce vado a buttarle via” e una volta visto il viso della ragazza, ho sentito scorrere potente in me il facepalm. Sconsolati, ma non troppo, abbiamo iniziato a giocare a carte. Dato che in precedenza (e con questo intendo: quando credevamo che la rossa fosse carina) si erano presi accordi perché si provasse l’abbordaggio a turni alterni, ho incitato la Fatina ad invitare a giocare a carte le altre tre ragazze. Questo è stato il risultato del mio invito:

FdB: Ma io non vedo fino lì, magari sono cesse
Coso: Non ti fidi del mio *Informazione Riservata
FdB: Ma se non le vedi manco tu
Coso: Ma tu non ci vedi fino a lì. Sono tre hipsterine e sono pure carine, cazzo c’hai da perdere? La dignità l’abbiamo già persa.
FdB: Vabbè, la prossima volta.

Alla fine, come era prevedibile, si è risolto tutto in un nulla di fatto. Fatte un paio di partite ce ne siamo andati a casa della Fatina dei Boschi per cenare. Alla fine, in camera della FdB, si è giunti ad un primo piano d’azione: le tizie interessanti, le si invita a giocare a carte. Le tizie esageratamente interessanti riceveranno una rosa dall’amico marocchino (salvo non venga arrestato prima da “Sbirro 1” o “Sbirro 2” [questa la capiranno due persone a dir tanto, ma va bene così ]). Quindi, se per caso foste in Parco del Sempione e vi arrivasse una rosa, potremmo essere stati io, Coso, e la Fatina dei Boschi a mandarvela.

Dopo cena e dopo un paio di liti col navigatore, siamo arrivati al concerto e…E praticamente erano tutti fattoni o ubriachi (o ubriachi e fattoni). Però c’erano anche tante belle fanciulle, ma sfiga vuole che noi (non è un plurale maiestatis) ci si interessi di una ragazza (coi capelli rossi, obv) fidanzata e assai skillata di bocca (apriva le bottiglie coi denti). Fatto sta, che ad un certo punto, sento uno strano odore, mi volto verso la FdB, e gli chiedo:

– Ma chi cazzo ha bruciato lo zucchero filato –
Un secondo di silenzio
Due secondi di silenzio e poi, lui:
– Non credo sia zucchero filato, sai? –
Lo guardo, annuso meglio e rispondo:
– Totally Legit –

Dopo di che, il nulla fino all’inizio del concerto: il piatto forte della serata: i Modena City Ramblers. Per le prime sei canzoni, ho guardato la Fatina in cerca di conferme, ma lui ha scosso la testa perplesso e quindi, un cazzo, gente scatenata tutto intorno e io e lui perplessi perché gli ultimi album lFdB non se li è cagati e io, onestamente, ho sentito sempre poche canzoni che mi piacevano. Dopo le canzoni nuove, però, sono arrivate anche quelle meno recenti (e più belle). Il pubblico, più volte, ha chiesto “I Cento Passi” e, quando sono arrivati a quella canzone, sulla scaletta la gente è esplosa. E pure io e lFdB abbiamo iniziato a saltare e a cantare come forsennati, tant’è che a fine canzone eravamo entrambi mezzi collassati e spompatissimi (mentre gli altri che ballavano da inizio concerto, erano freschi come rose, zozzi.) Subito dopo sono state proposte (io le elenco in ordine casuale): “La banda del sogno interrotto“, “Ebano“, “In un giorno di Pioggia“, “Quarant’anni“, “Il bicchiere dell’addio“, “El Presidente” e poi il pubblico, in un momento di “pausa” ha intonato a squarciagola “Bella Ciao”, che poi anche loro hanno suonato come penultima canzone. Appena finito il concerto ci siamo fiondati al baretto e, a rischio collasso, ho comprato una bottiglietta da mezzo litro che mi sono seccato quasi in un sorso. In macchina, dopo aver sentito Contessa (che il pubblico ha invocato in vano), abbiamo cambiato genere perché ne avevamo pieni i coglioni, per quella sera dei MCR.

In macchina abbiamo discusso delle solite cose e alla fine abbiamo rafforzato il nostro proposito nato durante il pomeriggio. Arrivato a casa, mentre tre quarti dei presenti al concerto ci stavano dando dentro, abbastanza morto e incapace di fare alcunché mi sono buttato sotto la doccia e poi direttamente a letto.

E, come avevo detto, non alle dieci, ma bensì alle nove di domenica, mia madre è entrata in camera mia e con la delicatezza di un bisonte mi dice “Guarda che la porta è chiusa a chiave, dove sono?”. Oramai sveglio, apro la porta e mi piazzo sul divano a cazzeggiare col telecomando fino a quando, su discovery channel, non ho beccato un documentario trattante la possibilità che esistano altre forme di vita intelligenti. Mi sarei menato via tutta mattina con queste amenità (subito dopo c’era un documentario sui vampiri), ma c’era da andare a prendere il gelato con cui avremmo festeggiato il compleanno del genitore e quindi, volente o dolente, mia sorella m’ha trascinato seco. Pranzo discreto, gelato buonissimo e poi arriva l’ora d’uscire.

Il viaggio in treno è stato qualcosa di tristerrimo perché sono passato da ultra-lusso (aria condizionata a manetta) a ultra-schifo (un forno travestito da treno), ma alla fine arrivo a destinazione. A casa della Fatina dei Boschi iniziano le grandi opere nel localino adibito a vedere la partita, mangiare e camera da letto per il sottoscritto. Una volta finito tutto, in attesa del Cacciatore di Tonni, io e la FdB iniziamo a guardare la televisione. Una volta preso il possesso del telecomando obbligo la FdB a guardare “Ginnaste, vite parallele” su MTV perché, in fondo, sono anche io un po’ un cazzone e mi concedo di guardarmi ste ragazzine che si dividono tra vita sportiva e vita normale. Poi arriva il Cacciatore di Tonni.

Torniamo nel nostro localino e si inizia a discutere del concerto della sera prima, sul suo futuro in Norvegia e poi delle solite cazzate. La partita inizia e della nostra cena non c’è traccia, in compenso c’è l’Inno di Mameli che si canta tutti e in cui si inseriscono messaggi subliminali riguardanti *Informazione Riservata e *Informazione Riservata. La partita vera inizia e nemmeno due minuti di gioco che già parte il primo *Informazione Riservata (Io sono il colpevole). Arriva anche il primo goal della Spagna e della pizza nessuna traccia. Inizio a preoccuparmi e faccio una profezia “Se si va avanti così, ce ne fanno quattro” (Quindi, sì, è colpa mia se l’Italia ha perso la finale). Tra un’*Informazione Riservata e l’altra arrivano le vivande. Consumato il cibo, apro le caramelle e inizio a mangiarle ed offrirle. Sul due a zero, parte la mia proposta – Partitone a Risiko? -. Tutti d’accordo, ma alla fine prendiamo il Monopoli (quello con le lire, perché noi siamo avanti) [Sì, sì, ho scritto avanti e non è un errore]. La partita si protrae fino a mezzanotte e vede la Fatina dei Boschi trionfare sia sul Cacciatore di Tonni, sia su di me (porci tutti gli Déi). Una volta salutato il Cacciatore di Tonni (che se n’è tornato a casa sua, per dormire) è iniziata una serata revival (che per me è diventata nottata, come vedrete poi).

Serata revival che ha incluso la Fatina dei Boschi, me, una playstation 1 e svariati giochi. Ho appurato un paio di cose: I giochi di lotta che non siano Tekken su di me non hanno alcuna attrattiva. Sono impedito a muovere i personaggi nei giochi se non si usano le freccette e… A Metal Slug non ci sono vite infinite. E poi, mi viene la brillante idea di giocare a Metal Gear Solid 1. La partita mi prende praticamente tutta la notte (dall’una fino alle sei e qualchecosa). Alla fine, cambio gioco perché durante la tortura sono morto e devo ripartire da un salvataggio olderrimo che mi ha fatto passare la voglia di giocare (e anche di vivere). Resta il fatto che in cinque ore ero arrivato a circa metà gioco. Devo essere sincero, tornando a giocare a MGS, mi sono sentito vecchio. Vecchio perché, l’ultima volta che ci giocai, avevo qualcosa tipo…Dodici, tredici anni. E, mi accorgo, che il tempo è comunque volato. Ma, non divagherò oltre. Tornando a parlare della (ormai) mattinata, per concludere, ho ripreso Tekken 3 e ci ho dato dentro fino alle sette e trenqualcosa. Poi ho fatto un po’ di pulizie e mi sono steso (perché mi voglio male) a dormire per un’oretta e mezza. S’è fatta viva pure la Secsdonna (No, non è la mia fidanzata) che mi ha mandato un messaggio dicendomi che oggi sarebbe tornata a casa (ma magari non ho capito un cazzo io) e poi c’è stata la lunga lotta per restare sveglio in treno e tornando a casa a piedi.

Ecco, così si è concluso il week end movimentato di Coso. E sabato e assai probabile che si replichi. Per ulteriori particolari, però, dovrete aspettare (anche perché siamo noi, i primi a non sapere una beneamata minchia).

Anche per oggi, questo è quanto.

Cya.

18 commenti

Archiviato in Diario