Archivi tag: Cose A Caso.

Riflessioni a caso #1

[…] Che poi, a voler ben vedere, è il leitmotiv della mia vita […] Arrivo a casa e rimango chiuso fuori.

2 commenti

Archiviato in Riflessioni, Rubriche

Di occhiate scambiate sul treno

No, in realtà non so di cosa parlerò. Non ho voglia di scrivere di politica e non ho nulla di particolarmente interessante di cui raccontarvi, perciò, penso che parlerò di tutto e niente.

La prima cosa che mi viene in mente è quindi il viaggio in treno di oggi. No, prima che sorgano dubbi, non ci sono stati ammiccamenti con belle fanciulline. Tutt’altro. Ma facciamo un passo indietro. Sto pomeriggio ho deciso di prendere il treno che si ferma in tutte. Salito al livello superiore (no, non ho skillato) mi son seduto e, dopo essermi tolto le cuffiette, mi sono messo a leggere. Ben presto, però, sono stato circondato da ragazzini urlanti.

Ecco, la prima cosa che non posso fare a meno di chiedermi è: ma anche io, sui treni, ero una scimmia urlante alla loro età? Dopo un breve, ma intenso esame di coscienza la risposta è no. Sarà che i viaggi in treno mi tediano, sarà che non ho bisogno di urlare per parlare con qualcuno (anche perché, tendenzialmente, a meno che non sia necessario vengo evitato anche sul treno), comunque sia non starnazzo come una gallina.

Tornando a noi, comunque, sono stato circondato da questi ragazzini urlanti. La fermata dopo, anziché scendere, ne sono saliti altri. Imperturbabile, comunque, ho di proseguire nella lettura. Per un momento, mi sono chiesto se dovessi rimettere le cuffie ma poi ho lasciato perdere. Fatto sta che, dopo la terza fermata sale un ragazzino e con tutti i posti a disposizione, dove si va a sedere? Indovinate un po’!

Avete detto di fianco a me? La risposta è sbagliata. Di fianco a me c’è il mio zaino contenente…Beh, il nulla. Comunque, si siede di fronte al mio zaino. Come faccio sempre, durante la lettura sul treno, mi sono preso una piccola pausa e mi sono guardato intorno. Ecco, ero il più vecchio (e meno rumoroso) sulla carrozza. Dopo aver preso atto di questo ed essermi nuovamente isolato, improvvisamente, ho colto lo spostamento del tizio che si è piazzato di fronte a me. Qualche secondo dopo, gli sento dire “Ciao”.

Ora, diciamocelo, non so se stesse parlando con me o con qualche suo compagno di scuola. E non voglio nemmeno sapere cosa gli sia passato per la testa, qualora avesse salutato me che, obiettivamente, sono una persona molto poco socievole quando non ho voglia di dar retta a qualcuno. Quello che conta è ciò che accaduto dopo quelle fatidiche quattro lettere.

Come dicevo, dopo il suo saluto, incerto se parlasse con me o meno, ho staccato per un solo momento gli occhi dallo schermo per fulminarlo con un’occhiataccia prima di riprendere ad ignorarlo. Dopo aver fatto questo, il ragazzino, ha preso la sua roba e si è spostato. Per onore della cronaca è stato sostituito da un uomo più vecchio di me che ha dormito tutto il tempo (e sono i compagni di posti che preferisco).

Morale della favola? Mai disturbare un Coso che legge. Spero che abbia imparato la lezione e che tutto questo non si ripeta più.

A questo punto, l’obiezione che potrebbe essere mossa è: “Ma se lo avesse fatto una bella figliuola?”. E sarebbe anche valida, non fosse che le belle figliuole mi evitano come i vampiri evitano la luce del sole.

Il terzo trimestre è incominciato da poco ma, dato che le materie sono interessanti come un calcio nelle palle, oggi ero distratto mentre il prof blaterava qualcosa (che probabilmente si rivelerà fondamentale) ho guardato fuori dalla finestra e ho visto una tizia coi capelli rossi, entrare nell’edificio in cui mi trovavo io.

Ovviamente, avendola vista di sfuggita, mi sono autoconvinto che fosse una tizia che conoscevo. Le mando un messaggio e lei mi chiama. Scuotendo il capo, mentre un mio conoscente faceva una battuta, riattacco. Le mando un altro messaggio dicendole che sono a lezione. Dopo esser riusciti ad identificarci a vicenda, scopro che non era lei la tipa in questione.

Ora, dato che a SPO di rosse così ne ho viste due in tre anni e non si trattava di nessuna delle due (l’altra ha i capelli ricci), le cose sono due: a) Ho le traveggole; b) Stiamo venendo invasi da fanciulle coi capelli rossi. In qualunque caso, la faccenda potrebbe essere estremamente positiva.

Ulteriore cambio d’argomento: vi ricordate quello che dicevo in “appunti di produzione”? No? Beh, non vi siete persi un cazzo. Cooooomunque, il progetto è parcheggiato lì e non credo lo svilupperò mai (o almeno nel prossimo futuro, dove per prossimo futuro si intendono questi mesi fino a luglio).

Perché ho lasciato perdere? Fondamentalmente perché mi è venuta un’altra idea da buttare giù per poi abbandonarla lì. Eh sì, lo so, è un peccato. So anche che voi speravate di leggere tutto quanto (nevvero, ma lasciatemelo credere) ma dovrete aspettare. Purtroppo, infatti, sono un cazzaro che fa fatica a scrivere un post alla settimana qui (e questo articolo lo dimostra), figuriamoci se son abbastanza skillato da poter portare avanti qualcosa con una trama organica.

A proposito di trame organiche e di letture, non posso non accennare velocemente al fatto che finalmente abbia messo le mani su tutta la serie di Wild Cards. Nel terzo libro, debbo dire, c’è la giusta tensione narrativa nonostante la brevità del volume (361 pagine). Tra l’altro, il mio bravissimo e bellissimo Kindle mi riesce a trovare anche le sigle senza troppi problemi (i libri sono in inglese, ovviamente).

Per concludere, una rapida carrellata di varie ed eventuali. Preso atto del fallimento della mail per contattarmi, ho eliminato la scheda e quella mail la userò per le registrazioni. V., hai avuto una pessima idea.

Sì, sto continuando ad uscire il sabato sera e questa cosa stupisce anche me, ma alla fine mi diverto. Emblematico è il fatto che esca con persone che hanno, in media, cinque anni più di me. A parte qualche eccezione, d’altronde, mi sono sempre trovato meglio con persone più grandi.

Siamo ad Aprile e tra una ventina di giorni (circa) andrò in fumetteria, dove mi aspettano i miei adorati tomi da divorare per poi riporli con cura sugli scaffali della libreria.

Bene, direi di aver finito.

Questo è quanto.

Cya.

Bonus:

22 commenti

Archiviato in Diario

Questo post non parlerà di niente

Sto pomeriggio, dopo aver letto l’ennesimo articolo sul Cavaliere, preso dallo sdegno m’era venuta la mezza idea di scrivere un post sul fatto che tutti si desse troppa importanza a quest’uomo e troppo poca ai veri problemi che affliggono il Bel Paese… Poi, però, ho cambiato idea e quindi eccomi qui a scrivere quelle cose completamente prive di senso (e farò in modo che siano anche prive di spessore) giusto per strizzare l’occhio ai tempi che furono (si parla ormai di quasi un anno fa).

Su feisbug c’è stato il boom delle pagine “Spotted”. Il fenomeno, ancora una volta tutto americano, sembra voler strizzare l’occhio all’idea di base del telefilm “Gossip Girl”. Tralasciando il fatto che non sappia che cazzo sia Gossip Girl (e che non voglia saperlo), l’idea di base non era male. Ovviamente mi sono fatto delle signori risate… Poi però sono partiti i soliti insulti che sfruttano l’anonimato e, ad essere sinceri, la cosa mi ha anche stufato (per ste cose ci sono i vari XYZ di Merda che fanno molto più ridere).

I progetti a cui accennavo qualche eone fa sono tutti naufragati e le cartelle che li contenevano sono state cancellate. Ciò dimostra, una volta di più, quanto sia inadatto a scrivere qualsivoglia cosa che si suddivide in più parti o con una storia troppo strutturata. Accennando alla Fatina della possibilità di iniziare qualcosa di nuovo, mi è stato fatto notare che sprecherei soltanto il mio tempo, dato che l’abbandonerei poco dopo. Se ci aggiungiamo il fatto che tutte le idee che mi vengono siano idee di merda, il gioco è fatto. Probabilmente, alla fine, ignorerò il fatto che tutto sia tempo sprecato che avrei potuto sfruttarlo meglio mi impunterò su un progetto che verrà abbandonato in meno di due settimane.

Sempre riguardo a quanto scritto sopra, ho trovato una canzone (che posterò come bonus) che mi ha inquietato abbastanza ecchepperò mi ha fatto venir la voglia di tornare a scrivere qualcosa di diverso dai soliti post che nessuno si incula. E, proprio parlando di post che nessuno si incula, posso dire con una certa soddisfazione che le visite negli ultimi tempi siano davvero calate a picco dopo un troppo lungo periodo di celebrità. Non so a cosa sia ascrivibile (Ammit, so che apprezzerai ♥) tutto questo, anche se penso che i miei noiosissimi post politici abbiano fatto il loro dovere.

Nei giorni passati (non ricordo precisamente quando) discutevo con un’amica sul fatto che dovessi tornare ad essere il cazzaro dei tempi che furono. Questo post, evidentemente, è un tentativo mal riuscito di farlo. Credo sarà difficile tornare su quei livelli, ma mi impegnerò per inserire più post senza senso e meno post seri. In questo modo, dovrei riuscire a confondere talmente tanto i pochi lettori da portarli a colpirsi da soli. Io v’ho avvertito, eh.

Dato che il mio compleanno si appropinqua, ho deciso di farmi un regalo: un Kindle Paperwhite. L’investimento che, inizialmente, doveva pesare tutto sul mio bilancio, alla fine ha visto la partecipazione di mia madre per circa la metà del costo. Ovviamente, questo evento che ha del miracoloso, è avvenuto dopo una lunga, futile discussione sul fatto che non mi servisse davvero perché “Tanto ci sono le biblioteche, se vuoi prenderti un libro” e altre motivazioni di questo genere. Alla fine, non so bene come né perché (ma temo ci sia sotto l’inghippo), ha dato il suo benestare e pure i soldi. Tutto è bene ciò che finisce bene.

A proposito di letture: ho iniziato da poco a leggere Gea di Luca Enoch e Sandman di Neil Gaiman. Il primo fumetto non sembra male, ma dopo un solo volume preferirei non espormi con un giudizio troppo netto. Sandman invece, l’ho trovato in lingua originale, e dopo un primo tentativo di lettura abbandonato per non so quale motivo e che ho deciso di riprendere e portare avanti (seguendo i miei ritmi). Appena finirò uno dei due, inizierò pure The Walking Dead di cui ho abbandonato la serie televisiva perché non riesco a seguirne, dato che mi annoio facilmente.

Sempre parlando di fumetti, voglio sottolineare come la Panini Comics mi voglia male. O, meglio ancora, come la Marvel mi voglia male. Infatti, da aprile, arriveranno in Italia le testate del “Now!” (Un reboot che non è un reboot) e questo mi porterà a dover prendere un fottiliardo di serie con immensa disperazione delle mie risorse monetarie, del mio bilancio e anche di mia madre che non vede di buon occhio questa mia tendenza a dilapidare i miei danari in sifatta maniera. Giusto perché sono convinto non ve ne freghi un cazzo, vi faccio una rapida lista delle testate che prenderò: All-New X-Men, Avengers, Capitan America, Fantastic Four, Guardians of the Galaxy, Indistructible Hulk, Ironman, Superior Spiderman, Thor: God of Thunder, Uncanny Avengers, Uncanny X-Men, Wolverine e gli X-Men.

Chiudiamo il capitolo letture per passare al capitolo “vita sociale”. Ebbene sì, mio malgrado, alla fine ho trovato modo di non passare i miei sabato sera in casa. Dopo un’uscita di cui non ho parlato perché non ritenevo importante, sempre con le stesse persone, mi sono rivisto sabato sera e la cosa, quasi sicuramente, avrà un seguito anche nelle prossime settimane.

Ma non questa perché, sabato, sarò ad un concerto con la Fatina. Il gruppo che suonerà, è abbastanza conosciuto. Si tratta dei Living Colour che sono in tour per il venticinquesimo anniversario del loro primo album: Vivid. Qualcosina l’ho già postata qui e, secondo me, vale la pena di dare un ascolto ai loro lavori. Non ve ne pentirete.

Altro concerto a cui potrei andare è quello dei Pain of Salvation che saranno a Milano questa primavera per il loro tour, ma su questo attendo conferme e l’occasione propizia per andare a prendere i biglieti.

Direi di aver scritto abbastanza…E invece no, perché questo mese, dopo un lungo, lunghissimo periodo di astinenza riprende Doctor Who. Finalmente, vedremo come si svilupperà la settima stagione con la nuova (bellissima) compagna e senza quella gran figliola di Karen Gillan.

Questo è quanto.

Cya.

Bonus:

12 commenti

Archiviato in Varie ed Eventuali

Questo titolo sarà privo di qualsivoglia indicazione.

All’inizio, per questa settimana, avevo pensato ad un post “serio”, poi mi sono reso conto che forse sarebbe stato meglio posticiparlo alla prossima, giusto perché è l’ultima settimana prima delle elezioni e quindi fare un quadro generale prima del voto non sarebbe un’idea da buttare via. Per questo motivo vi beccherete una serie di fatti/riflessioni slegati da qual si voglia contesto e di dubbio interesse.

E, per forza di cose, non si può non parlare del festival di Sanremo. Non l’ho visto ieri, non lo vedrò oggi, ma ho avuto modo di vedere lo “spettacolino” di Crozza. La faccenda è guardabile da due prospettive differenti: la prima è quella sul piano dei contenuti, la seconda è quella della contestazione. Per comodità partirò dalla seconda: gli internauti sono spaccati: c’è chi pensa che la contestazione sia stata giusta, c’è chi pensa che sia stata esagerata. Personalmente, ritengo che sia stata esagerata nonostante, effettivamente, Crozza tenda ad affondare più con Abberluscone che con il PD. Dal punto di vista qualitativo, invece, è stato abbastanza deludente. Quanto fatto vedere non è stato altro che un collage di sketch già visti o a Ballarò o in Crozza nel Paese delle Meraviglie. Insomma, forse avrebbe potuto tirar fuori qualcosa di più originale. Una prestazione senza infamia e senza lode intorno a cui si è creato un gran polverone per nulla.

La seconda cosa riguarda un evento di portata storica: le dimissioni del Papa. I motivi non sono ancora del tutto chiari. C’è chi pensa che sia per l’intervento al cuore subito dal pontefice, c’è chi pensa che stia bollendo in pentola un scandalo di proporzioni inaudite. I Bookies danno un candidato africano come favorito alla successione al soglio pontificio. Per quanto riguarda gli italiani, il vescovo di Milano, è il nome più papabile. Speculazioni a parte, non si può ignorare le conseguenze che un fatto del genere avrà sul futuro della chiesa. Sino al buon Ratzinger, tutti i papi (o quasi) erano stati papa sino alla morte ma questi ultimi eventi, sconvolgono il quadro. Lo sconvolgono perché non sappiamo che cosa farà il buon Nazinger e non sappiamo quale sarà il suo peso nelle gerarchie vaticane. Come dissi a tavola, lunedì, se il papa fosse stato un cavallo azzoppato, il problema non si sarebbe posto. Fun Fact: si dice che il successore di questo papa sarà il famoso “Papa Nero” della profezia di Malachia. Mistero ha già preparato una puntata speciale.

La terza cosa tira in ballo un discorso tra me e V. in cui si parlava dell’assenza di post cinici o cazzari su sto blog da un bel po’ di tempo e, in effetti, l’ultimo post del tutto cazzaro è datato 29 dicembre 2012. Ci sarebbe da chiedersi i motivi di una svolta così “seriosa” (noiosa) al blog e la conclusione a cui è arrivata V. è che io stia crescendo. In realtà, lo scopo (che sta riuscendo) è quello di tediare a morte i lettori in modo tale che smettano di seguire il blog. Come detto tra parentesi, lo scopo è apparentemente raggiunto. Le visite sono letteralmente crollate rispetto ai mesi precedenti (pur mantenendosi troppo alte). Per questo motivo, ho intenzione di fare un appello a voi sventurati che passate: non fermatevi su questo blog. È un mix di cose già risapute e cose di cui non dovrebbe fregare un cazzo a nessuno sano di mente. Andate su altri blog, di gente che scrive mucchi di cose interessanti facendo tre/quattro post al giorno. Vi divertirete di più, fidatevi di Coso. (Campagna di desensibilizzazione nei confronti di Coso).

Il giorno del mio compleanno si avvicina sempre di più e, salvo imprevisti, la sera del mio ventiduesimo anniversario di vita dovrei essere a Milano per un concerto dei Living Colour. Con me, ovviamente, ci sarà la Fatina dei Boschi. La decisione è stata presa dopo un rapido conciliabolo sul fatto che ne valesse la pena o meno. Dopo aver ascoltato un po’ di canzoni, però, ci siamo resi conto che a 23 euri, l’andarci sarebbe un affarone. Questo sarà il mio quarto concerto (i precedenti tre, in ordine cronologico: Ligabue un fottiliardo di anni fa, mio zio in chiesa, I MCR gratis). Altri concerti a cui vorrei prima o poi assistere sono quelli di: Pain Of Salvation, Katzenjammer e Caparezza. Prezzi dei biglietti permettendo.

Ieri, per mia sfortuna, ho visto J. Edgar. Il film, di base discreto, mi lascia molte perplessità e dopo la prima ora e un quarto si rivela essere un polpettone difficilmente digeribile (alla fine, speri che il protagonista muoia). Eastwood sforna un film a mio avviso sottotono e fin troppo buonista. Guadagna punti verso la fine con un dialogo in cui ci viene fatto scoprire che le cose non sono come raccontate dal protagonista. Leonardo di Caprio è stato magistrale e ha risollevato non poco il film con la sua prestazione. La storia però, indugia troppo su fatti non comprovati e non approfondisce i lati più oscuri di Edgar Hoover (si sofferma sulla sua omosessualità e non su quanto fatto durante il Maccartismo per esempio). Insomma, l’ennesimo Kolossal autocelebrativo della grande America.

La domenica entrante sarò in Piazza Duomo a Milano per un grande incontro che vedrà coinvolti Ambrosoli, Bersani, Pisapia, Vendola e, soprattutto, il Tovarish Tabacci. Probabilmente questo segnerà il clou della campagna elettorale del PD in Lombardia. Con me ci saranno forse un paio di amici (di cui non faccio nomi) ed è un’occasione per sentire dal vivo le proposte che verranno fatte sia per la Regione, sia per lo Stato. La speranza è che non sia una perdita di tempo. Martedì 19, salvo cambi di programma, andrò a vedere Grillo che arriva a Milano con lo Tsunami Tour. L’obiettivo sarà, oltre a sopravvivere, quello di capire se il programma di M5S vada oltre a quanto scritto su Internet e capire le vere intenzioni di un movimento che, probabilmente, prenderà più del 20% di voti. È probabile che nel post di settimana prossima accenni a questi due eventi.

Stanno susseguendosi oscuri presagi l’uno dietro l’altro. Il Pastore Tedesco si dimette, Bersani e Grillo a Milano a distanza di pochi giorni, nevicate abbondanti sul piano padano, la Corea del Nord fa test nucleari, è iniziato il Festival di Sanremo e… E una ragazza (carina) mi ha rivolto la parola. Galeotte furono le iscrizioni ai seminari di Relazioni Internazionali.

Si ringrazia per avermi concesso a sua insaputa il titolo di un album di foto, la Secsdonna.

Questo è quanto.

Cya.

Bonus (per la secsdonna)

Bonus (per le persone sane di mente)

10 commenti

Archiviato in Varie ed Eventuali

Tre anni dopo.

Innanzitutto, tanti auguri al blog. Un po’ in ritardo, ma con questo post festeggerò i suoi tre anni di vita.

Il compleanno è stato il 31/08. Non vi parlerò di come il blog è nato perché ormai lo sapete tanto bene quanto me, piuttosto vorrei concentrarmi di più sul risultato finale. E devo dire che, in questi tre anni, di acqua sotto i ponti ne è passata. Non so se abbia avuto un miglioramento qualitativo o stilistico (e, per lo meno sul primo, ho molti dubbi). Ciò non toglie però che questo grande laboratorio mi abbia accompagnato in ogni fase del mio sviluppo personale.

Sviluppo personale che ha più o meno seguito le seguenti fasi:

– Scrivo tutto quello che mi passa per la mente credendo che fotta a qualcuno
– Non scrivo più
– Mi ricordo di avere il blog e scrivo quattro minchiate
– Non scrivo più
– Wannabe blogger serio
– Scrivo tutto quello che mi passa per la mente indipendentemente dal fatto che fotta o meno a qualcuno (in questo momento, siamo in questa fase).

Ma, per rendere giustizia a questa mia creatura, è necessaria una breve ed intensa cronistoria. Tutto ebbe origine nel 2009. Le persone che mi seguivano costantemente erano soltanto due (e, ad oggi, purtroppo non mi seguono più). Gli argomenti trattati erano  svariati ma non per questo interessanti. Si trattava soprattutto di riflessioni pseudo-filosofiche gradevoli come una valanga di mattoni sui coglioni. Il primo, lungo arco creativo è durato fino a aprile del 2010. Poi sono iniziati i primi tentennamenti e la scrittura è continuata a singhiozzo per tutto il resto dell’anno.

C’è un enorme buco tra ottobre 2010 e marzo 2011. Buco motivato dal fatto che non avessi per un cazzo voglia di scrivere e che, probabilmente, mi ero addirittura dimenticato di avere un blog. Ad ottobre minacciavo la possibilità di un ritorno in pianta stabile a scrivere, ma per vedere realizzati questi propositi ci vorrà ancora circa un anno. Il 2011, comunque, in linea con il proprio inizio, si rivela piuttosto discontinuo. E non raccoglie poi molto di interessante. L’articolo forse più emblematico e che segna un mio iniziale interessarsi alla vera politica è quello riguardante i referendum del 2011. Mi soffermavo in particolare sul nucleare e sul perché si dovesse fare a meno di averlo. E si inizia ad intravedere la mia vena sinistroide (prontamente soffocata col passare del tempo).

Ma la vera svolta c’è a novembre del 2011. Quello è il mese che segna il mio definitivo (momentaneo) ritorno alla scrittura sul blog. Perché novembre? Sinceramente, manco me lo ricordo. Ma a far scattare la molla è stato probabilmente il fatto che qualcuno mi avesse coinvolto a mo’ di community su wordpress. All’inizio non pensavo fosse qualcosa di serio, era un “quando ho qualche stronzata da scrivere, lo faccio” (non che ora le cose siano cambiate, eh). Ma col passare del tempo e con l’aumentare delle persone che mi seguono (e in numero molto minore, le persone che io seguo) la “community” di wordpress mi ha dato modo di trovare una certa continuità. I temi, come ben vi sarà noto, sono i più svariati. Lo stile è quello che è, molto scanzonato e molto raramente serio (che due coglioni, altrimenti) è quello che si è imposto per tutto il 2012 (fino ad ora) e che spero continui finché la voglia regge (e allora siamo messi particolarmente male).

Ma ciò che conta, oggi, è il fatto che Bitter Suites To Succubi/Cose A Caso abbia raggiunto la veneranda età di tre anni, con 1.001 commenti, 133 articoli e 7.052 visite.

Alles Heil Cose A Caso.

Questo è quanto.

Cya.

10 commenti

Archiviato in Diario, Varie ed Eventuali

Io, Coso pt.2 – Il Blogger

In realtà, non saprei proprio cosa scrivere a riguardo del “Coso Blogger”, epperò, dopo questo articolo al vetriolo sui miei così detti “colleghi”, mi è stato chiesto di descrivere come vedo “me stesso” in versione “blogger”. Dato che le idee al riguardo scarseggiano, probabilmente l’articolo sarà corto. La forma è sempre quella dell’intervista. Ora passo al sodo.

D: Quando hai iniziato a scrivere su un blog?
R: Contando quelli di Msn, direi intorno alla seconda/terza superiore. Su WordPress dal 2009. Come Coso, invece, da qualche mese (non ricordo precisamente quando).
D: Perché hai aperto un blog su WordPress?
R: Perché un gruppo di amici, anziché farsi i cazzi suoi, mi ha consigliato con insistenza di aprire un blog su Wp, dato che offriva servizi migliori rispetto ad Msn e quindi, con un po’ di titubanza, l’ho aperto.
D: Perché scrivi sul blog?
R: Fondamentalmente, perché non ho un cazzo da fare. Inoltre, è un buon modo per esercitarsi con la scrittura (in generale) e di esporre in modo più chiaro le mie idee riguardo a determinati argomenti.
D: Ti consideri un buon blogger?
R: Assolutamente no. A stento mi considero un blogger (al massimo sono uno scribacchino), figuriamoci se possa ritenermi un buon blogger. Diciamo che ho avuto alcune buone intuizioni, a volte.
D: Come definiresti il tuo blog?
R: Fondamentalmente è un grande, grandissimo esperimento. Qui sopra ci ho postato di tutto: racconti, poesie, riflessioni e le peggio amenità. Ma, in quanto esperimento, mi ha permesso di provare ad usare differenti stili e approcci alla scrittura (con risultati discutibili).
D: Il pezzo che ti ha più soddisfatto?
R: Allora, è una bella lotta. Ci sarebbe “Damnation And A Day“, scritto praticamente in una serata nell’ormai lontano 2010 che, per l’epoca, fu un picco massimo della mia creatività. Più recentemente potrei dire “Boh (O anche “Il Racconto della Foto”)” a livello di narrativa, mentre per quanto riguarda gli articoli “seri” direi: “Sulla Democrazia” oppure “Vent’anni”.
D: Dove trovi l’ispirazione?
R: Scherzosamente, ma nemmeno troppo, alcuni amici (a loro volta blogger) dicono che io scriva qualunque puttanata che mi venga in mente e hanno ragione. Oltre alle puttanate, però, tendo ad attingere alla realtà che mi circonda o alle problematiche che mi sono particolarmente care. E, poi, c’è una stradina di Milano che fa miracoli, ma questa è tutta un’altra storia…
D: Come sviluppi un post?
R: Di solito, parto da un frase (che spesso è il titolo dei post) e poi parte il brainstorming per trovare idee relative alla frase. Una volta creato un elenco mentale, scelgo cosa includere e cosa no. Poi, inizia la scrittura. Di solito, quando inizio un articolo, lo porto a termine “immediatamente”. In alcuni casi, quando ho bisogno di raccogliere più idee o mi blocco su un concetto che voglio spiegare, salvo in bozze e abbandono per un po’ la stesura, cercando un modo di risolvere il problema. Una volta bypassate queste fasi, si arriva alla lettura di ricontrollo. Di solito ce ne sono un paio: una per gli errori grammaticali/sintattici evidenti e una per l’aggiustamento dei concetti. Una volta riletto di nuovo il tutto, inserisco le tag (relative agli articoli) e la categoria, poi pubblico. Il risultato (qualunque esso sia), è sotto gli occhi di tutti ogni giorno.
D: Scrive tutti gli articoli sul momento?
R: No. Mi sono reso conto che così facendo tendevo ad essere discontinuo, quindi, per risolvere il problema tendo a creare bozze di articoli col solo titolo da sviluppare quando meglio credo. In questo modo, se dovessi andare incontro ad un blocco prolungato, potrei dilatare i tempi di pubblicazione e comunque avere una “scorta” di articoli già pronti.
D: Con che periodicità pubblica articoli?
R: Come dicevo sopra, fino a qualche tempo fa ero molto discontinuo. Tendevo ad avere momenti di “piena” in cui riuscivo a pubblicare un articolo al giorno che si alternavano a lunghi periodi di nulla più assoluto. Con il metodo qui sopra, invece, avendo delle basi da cui partire, posso avere anche una certa continuità nelle pubblicazione. Attualmente, comunque, riesco a pubblicare un articolo ogni due giorni. Con l’inizio dell’università a settembre, spero di mantenermi su una media di due articoli alla settimana.
D: Sempre riguardo agli articoli: A cos’è stato dovuto il cambio d’argomenti trattati? E il passaggio ad un approccio più “scanzonato” e meno serioso a cos’è da imputare?
R: Non sarei potuto andare avanti molto a parlare solo di me. Sono una persona abbastanza abitudinaria e i miei problemi non è che siano poi così tanto cambiati rispetto all’inizio. Tra l’altro, mi annoiava scrivere sempre le stesse cose in salse diverse. E, l’approccio, credo che sia cambiato col cambio nome. Ne ho scelto uno meno serioso perché mi veniva più facile scrivere in questo modo. E, spero, sia anche più leggero da leggere. Diciamo che è stata un’evoluzione stilistica dettata dalla necessità e dalla volontà di rinnovare un po’ tutto.
D: Oltre al blog, ha altri progetti concernenti la scrittura?
R: Frequento un paio di community online e, poi, ho alcuni progetti scritti che mi piacerebbe portare avanti che, per il momento, sono esterni al blog. Nel caso in cui si concretizzasse qualcosa, comunque, verrebbe pubblicato tutto qui, prima o poi.
D: Cose A Caso oltre ad essere una sorta di diario virtuale, ha qualche altro scopo?
R: Ad essere sinceri, io non definirei “Cose A Caso” propriamente un diario, ma come già detto sopra una sorta di esperimento. Comunque, ovviamente, ha altri scopi. Quali sono? Coinvolgere altre persone nelle mie (dis)avventure, sentire (o meglio leggere) le loro opinioni su determinati argomenti. Insomma, creare una sorta di “community” in cui si possa passare dal cazzeggio pesante con tanto di commenti spammosi (che di solito faccio io), a discorsi seri su argomenti importanti. Insomma, cercare il confronto con gli altri è uno degli obiettivi finali.
D: E sei soddisfatto dell’interazione che hai con gli altri blogger?
R: Direi di sì. Voglio dire, non ho mai cancellato commenti di sorta (tranne quelli dei bot). Se qualcuno volesse anche dire “No, per me stai scrivendo solo stronzate”, per me non ci sarebbero problemi (anche perché avrebbe ragione), penso che mi si possa accusare di molte cose, ma non che sia uno che lascia dire quello che vuole, ecco.
D: Ti aspettavi di avere il seguito che attualmente hai?
R: No. Srsly, fino a febbraio/marzo avevo quattro gatti che circolavano qui. Poi, non so bene cosa sia successo, c’è stato un boom impressionante. La maggior continuità può aver influito su questo, non ne dubito. Resto comunque dubbioso sui veri motivi per cui non ci siano solo due persone a seguirmi (e queste due persone, sono moralmente obbligate a farlo, sia chiaro.)
D: Per quale motivo chiudi tutti i post dicendo “Questo è quanto. Cya”?
R: Perché è un po’ il mio “marchio di fabbrica”. Non importa quale sia l’argomento, non importa quanto serio sia: alla fine ci sarà sempre un “Questo è quanto. Cya”. È la mia firma, ecco.
D: ultima domanda. In che categoria di blogger ti inseriresti tu?
R: Se proprio dovessi sceglierne una, direi quella del Blogger Cazzaro. Perché? Fondamentalmente non mi prendo troppo sul serio e sono convinto che questo sia un modo come un altro per ammazzare i tempi morti. E, poi, scrivo tutte le stronzate che la mia mente partorisce.

Ecco, tra questo post e l’altro, dovrei  aver soddisfatto praticamente la stragrande maggioranza delle vostre curiosità. Ma, dato che sono per l’interattività, vi faccio una proposta: avete delle domande da farmi? Lasciatele qui nei commenti e, appena avrò tempo/voglia, creerò un altro post dal titolo “Io, Coso” con tutte le vostre domande.

Chiudo qui.

Questo è quanto.

Cya.

4 commenti

Archiviato in Diario

Cose A Caso 100% affidabile

Non so bene da dove sia uscita questa storia del 100% affidabile e, in realtà, è di poco interesse. In teoria, in questo post, dovrei copiare il link di una pagina web che ha indetto questo concorso e il nome di cinque blogger. Dato che Coso lettore è ancora più svogliato di Coso scrittore e i blog che seguo e vengono aggiornati frequentemente arrivano a mala pena a cinque, penso non farò nulla di simile.

In realtà, i motivi sono altri e, per lo più, puramente personali. In primis non mi va di partecipare ad una mega-catena di Sant’Antonio per ricevere/fare pubblicità. Non mi va, un po’ perché mi pare una minchiata, un po’ perché vorrebbe dire “esporsi troppo”. E l’esporsi troppo, ovviamente, contrasta col modo sempre molto cazzaro con cui ho portato avanti il blog in questi ultimi nove mesi. Nove mesi che mi hanno già portato ad una visibilità maggiore (e non sempre gradita, se proprio vogliamo essere sinceri) e inaspettata (oltre che non voluta).

Oltre al fattore pubblicità/mainstreamità, c’è anche un discorso legato alla continuità. Sì, è vero, in questi nove mesi ho aggiornato costantemente il blog ma, conoscendomi, potrei tornare a pubblicare una cosa ogni sei mesi o abbandonarlo per altrettanto tempo. E, questo, di sicuro non è sinonimo di affidabilità. Ovviamente, questo discorso si ricollega al fatto che sia un cazzone e un culopeso, ma non vorrei essere troppo ridondante e ripetitivo, almeno in sto articolo.

Poi c’è un altro discorso: l’affidabilità, l’utilità e l’originalità delle notizie. Beh, tralasciando che il novanta per cento delle cose che il sottoscritto scrive siano minchiate, non solo non si tratta di nulla di originale ma, spesso, sono anche cose inutili e fini a se stesse che, al massimo, possono riguardare una stretta cerchia di persone che comprende me, me stesso, la Fatina dei Boschi e il Cacciatore di Tonni (quando proprio butta bene). Quindi, anche in questo caso, direi che Cose A Caso non rispetta (più o meno volutamente da parte del sottoscritto) gli obiettivi prefissati.

Alla fine, ma non per ultimo, c’è il discorso legato alla passione che spinge a portare avanti un blog. Beh, non vedo perché dovrei essere premiato. Come già dicevo tempo addietro ad un amico: “Che scriva per due persone, o che scriva per cento, in realtà IDGAF. Lo faccio perché c’ho voglia”. Insomma, premiare un bravo blogger è come premiare un bravo giocatore (novantenne) di scopa ad un centro anziani: un bellissimo riconoscimento senza il quale, però, le cose sarebbero andate nella stessa maniera. E sto parlando di un bravo blogger, non di me (o di quelli del Fatto) che al massimo sono (siamo) blogger della domenica (però io lo faccio aggratis e quelli del Fatto li pagano).

Dunque, io ringrazio sia La Geniaccia e V. per avermi votato ed aver espresso così una loro opinione positiva sul mio blog e per il loro pensiero, ma questa cosa non s’ha da fare. Cose A Caso 100% Affidabile? Grazie, ma no, grazie.

Questo è quanto.

Cya

8 commenti

Archiviato in Diario, Riflessioni, Varie ed Eventuali

Sui manganelli e sulla società fallocentrica. (Da Freud a Sailor Moon: tutto ciò che volevate sapere sui manganelli e non avete mai osato chiedere)

Come da titolo oggi ci occuperemo dei manganelli e della società fallocentrica. Cosa c’entrano le due cose? È piuttosto semplice. Ma è necessario partire dal principio.

E in principio ci fu Sailor Moon. O quasi. Dirigendoci verso Pattini per fare colazione, infatti, io e L.C. abbiamo notato un notevole dispiegamento di forze dell’ordine intente a festeggiare qualcosa. Mentre parlavamo dei manganelli e della loro forma fallica (di cui vi accennerò dopo), è venuto in mente a me (ma anche al compare) di immaginare le forze armate vestite da Sailor Moon. Il risultato è stato ovviamente terribile. Allora, per legge transitiva, abbiamo applicato la divisa militaresca a Sailor Moon. Questo ha portato alla trasformazione del suo rinomato “Cristallo di Luna” in “Manganello di Luna”. Ciò è stato accompagnato da spassose immagini di un esercito di Sailor Moon armate di manganello che sfollavano i rompicoglioni che cercavano di fermarci per rifilarci questo o quel ninnolo. E quanto detto finora mi riporta alla mente un aneddoto capitatoci proprio durante il primo pomeriggio: stavamo andando a pranzare al Ciao in San Babila quando un tizio (tale Luca), ci ferma e prova a rifilarci un cartoncino in cambio di soldi per i bambini orfani. Davanti al nostro diniego questo Luca, dice a L.C. “Tagliati i capelli”. L.C., piuttosto seccato dalla supponenza del tizio, abbozza una reazione troncata dal sottoscritto sul nascere. Stroncata perché non valeva la pena di abbassarsi ad attaccar briga con la comune plebaglia, ovviamente. Le cose, però, sarebbero state diverse con dei bellissimi (e ultra-accessoriati) Manganelli di Luna.

E questo ci porta dritti, dritti al discorso sui manganelli e Freud. Il manganello è riconosciuto da tutti quale strumento di potere. Non importa che lo si guardi con ammirazione, disprezzo o indifferenza, tutti sappiamo che quel oggetto su di noi ha un potere. Questo riconoscimento oltre a derivare da un’associazione ovvia con le forze dell’ordine potrebbe avere anche fondamenta psicologiche. L’illuminazione (se così vogliamo definirla) mi ha colto mentre, tra una battuta e l’altra, è venuta fuori la lampante similitudine tra la forma fallica e la forma del manganello. Infatti, il manganello, non è altro che un enorme fallo (simbolo da ricollegare all’uomo e alla sua posizione sociale di spicco) per riportare all’ordine tutti coloro i quali si oppongono o portano disordine nella società (fallocratica e fallocentrica). La sottomissione avviene di fronte ad un’arma che ricorda un pene procrastinando e continuando, in questo modo, la tradizione maschilista caratterizzante tutte (o quasi) le società. Insomma, per farla breve, le forze dell’ordine (coloro le quali hanno il compito di far sì che sia mantenuta la calma ed è adibita a protezione della società) non fa altro che ribadire un concetto fondamentale socio-culturale: tutto gira intorno all’individuo di sesso maschile.

E questa mia considerazione è rafforzata dall’evidenza dei fatti. Nonostante una seconda ondata di “femminismo” forse più maturo e più “moderno” ed un’apertura alle stanze dei bottoni di vari ambienti alle donne, coloro i quali ricoprono posizioni di spicco in economia, politica e scienza sono uomini. Uomini che non hanno mai visto le loro posizioni veramente intaccate da questa “rivoluzione rosa” in una società dove i maggiori simboli di potere sono da riportare all’organo sessuale maschile.

Magari queste sono solo stronzate (e io in parte voto per questa opzione), magari c’è un fondo di verità (e voto anche per questa opzione), magari è tutto un gombloddoh massonico che è stato svelato. In qualsiasi caso, meditate gente. Meditate attentamente. E ricordatevi che i Manganelli di Luna sono protetti da Copyright nel momento stesso in cui compaiono su questo blog.

Questo è quanto.

Cya.

8 commenti

Archiviato in Politica & Società, Riflessioni

Volevo solo essere…

Ecco, amici di G+, ogni promessa è debito, quindi…

Quindi eccomi qui, a lamentarmi. Sì, oggi mi devo lamentare. Di cosa potrà mai lamentarsi il sottoscritto? Del Governo Monti? Della Grecia che sta affondando portandosi dietro tutta l’Europa? Delle mezze stagioni che non ci sono più? Del fatto che non capisca l’utilità di un colloquio di gruppo, nonostante domani ne debba sostenere uno? Di non riuscire a scopare manco per sbaglio? Del resto dell’umanità che gli rovina la pace interiore?

No, niente di tutto questo. Oggi mi voglio lamentare di voi followers. Quando aprii questo blog, quasi tre anni fa, non avrei mai potuto immaginare che della gente leggesse davvero quello che scrivevo se non quei pochi sfortunati che essendo miei amici, mossi a pietà, si sarebbero accollati il gravoso compito di leggere quanto qui scritto. Non avrei mai pensato che quanto scritto qui sarebbe stato spunto di discussione per chicchessia. Non avrei mai pensato di ricevere in media dalle venti alle quaranta visite per leggere delle minchiate. Insomma, non avrei mai immaginato che ci foste voi.

Una persona normale, sana di mente, di solito, sarebbe felice che qualcuno leggesse quanto da lui scritto. E invece io no. Io ho da lamentarmi e, di fronte a queste proteste, mi è stato detto “cancella il blog” oppure “rendilo privato”. A queste obiezioni, giustamente poste, ho risposto con uno sguardo critico e uno scuotimento di testa che, ovviamente, l’interlocutrice non ha potuto vedere essendo a millemila chilometri da me. Non posso cancellare il blog perché, nel bene e nel male, è l’esperienza di scrittura “creativa” più lunga che abbia mai avuto e, un po’ (ma proprio poco), mi ci sono affezionato. Senza contare, che questa è anche la valvola di sfogo per le mie cazzate o per le mie seghe mentali (ultimamente predominano assolutamente le cazzate), quindi possiamo escludere il delete. Renderlo privato potrebbe essere una soluzione “accettabile”, non fosse che non abbia la più pallida idea di come si faccia e che, anche se lo sapessi, non mi metterei (causa culopesismo) a smanettare con le impostazioni del blog.

Questa digressione mi ha allontanato dal punto principale della faccenda che, badate bene, non siete voi…Ma sono io. Sono io, col mio blog, ad essere diventato ubermainstream mentre, ciò che desideravo era un angolino di libertà dove potevo sparare quattro cazzate lette da quattro gatti in croce. E invece no, il mio desiderio intimistico di scrivere minchiate è stato frustrato dalla presenza di gente che (per motivi che tuttora stento a spiegarmi) si è appassionata a Cose A Caso (un nome fighissimo) e a quanto scritto dal sottoscritto (Coso per chiunque tranne che per i compagni d’università con cui parla (e non ce ne sono) e la sua famiglia) che è assai meno figo. Insomma, tutto questo non era stato minimamente calcolato e tanto meno voluto ma ormai è andata così.

Una delle poche consolazioni che mi resta è il fatto che, nonostante il numero di “Followers” che ho, lo spirito non sia cambiato di una virgola da quando ho ripreso a scrivere qui. E poi, in fondo, potrò sempre dire ai miei amici, con un sorriso divertito e un tono di voce rammaricato, “Volevo solo essere un blogger hispter che scriveva quattro cazzate”.

Questo è quanto.

Cya

8 commenti

Archiviato in Diario, Riflessioni, Varie ed Eventuali

Aggiornamento

Sono vivo. Poco presente, assai indaffarato ma vivo.

4 commenti

Archiviato in Varie ed Eventuali