Archivi tag: Ricordi

L’estate è finita

Rieccomi qui, dopo un po’ di tempo. Avevo promesso, nell’ultimo post, di scrivere un sacco di roba interessante e invece… Invece un cazzo. Non c’ho proprio voglia e quindi v’accontentate. Ché, se voleste leggere qualcosa di interessante, dovreste andare qui, qui  o qui.

Mentre scrivo queste righe, comunque, ci tengo a dire che sono ancora in montagna coi miei e quindi tagliato fuori dal mondo civilizzato, dato che l’internet è solo sul cellulare ed è utilizzato in modo limitato e solo per Whatsapp. C’è un temporale bellissimo che, dopo aver scaricato grandine, è tornato a normale diluvio. In attesa di farmi la doccia, quindi, sto scrivendo l’introduzione per poi continuarlo, sooner or later.

L’arrivo del brutto tempo, che dovrebbe perdurare per tutto il week end, pone una prematura fine alle scampagnate. E, questo, può voler dire solo una cosa: riuscirò a vedere tutti i film senza alcuni problemi. Parlo di film perché, a conti fatti, è stata una delle cose a cui ho dedicato più tempo (dopo le camminate).

*interruzione perché sua madre ha fatto saltare la corrente per l’ennesima volta, asciugandosi i capelli*
Stavo parlando di film ma un blackout, una doccia e una cena dopo, mi è sovvenuto che forse sarebbe meglio parlare dei film in questione in un altro articolo, piuttosto che fare un pastone di cui non capirebbe nulla nessuno (non che in questo modo qualcuno ci capisca qualcosa, ma alla fine, chissene).

Comunque, dicevo che ho dedicato un sacco di tempo ai film. Oltre a guardare film, però, ho fatto anche altro. Tanto per cominciare, ho camminato un sacco. Le discese al lago sono rimaste un must (le salite, però, le ho fatte in macchina) e la gita fuori porta mi ha portato a 1850 metri d’altezza (ho fatto da 1500 metri a 1850 a piedi) e sotto, come bonus, troverete dei reperti fotografici.
A proposito di reperti fotografici, mi sono scoperto uno stalker perfetto (e, anche in questo caso troverete tutto sotto) e mi sono dedicato a questo hobby per le animazioni automatiche di G+ (sperando che sia riuscito a fare abbastanza foto nel modo giusto). Come avrete modo di notare, ci sono un paio di belle figliole (probabilmente Jailbait), ma anche l’occhio vuole la sua parte.
Fun Fact: Ero in spiaggia, all’ombra, a leggere (sì, il lago ha una spiaggia e, sì, io leggo all’ombra in spiaggia) quando sono arrivate due belle ragazze. Mia madre e mio padre si sono messi a ridere perché la genitrice gli ha detto (e cito quasi alla lettera): “Guarda quel pirla di tuo figlio: continua a leggere mentre gli passano di fianco due belle ragazze”. Ecco, questo è come mi vede mia madre (troverete i reperti fotografici delle ragazze, sotto).

E oltre alle passeggiate, ai film e alle foto, mi sono dedicato allo studio. E devo esser sincero: l’ho fatto perché mi annoiavo. Tutte le mattine da dopo colazione sino all’ora di pranzo con un po’ di musica di sottofondo, mi sono dedicato allo studio. Gli esami si avvicinano e a settembre devo riuscire a darne il più possibile (ergo, mi devo muovere per forza di cose). Il ritmo è stato ingranato e spero di riuscire a mantenerlo anche una volta rientrato a casa.

Passando dal dovere al piacere, sono anche andato avanti con la lettura. Per quanto riguarda “A Clash of Kings” avanzo ogni giorno del 5/7% e sono arrivato ormai a più del 70%. Il prossimo libro, inevitabilmente, sarà “A Storm of Sword”. Oltre ai libri, però, ho avuto modo di recuperare le prime tre serie degli Ultimates. La rilettura in chiave moderna dei Vendicatori, nonostante ben scritta per le prime due run, non mi ha fatto impazzire in modo particolare. Ma non avendo speso nulla, non mi lamento. Sono stati un ottimo riempitivo nei momenti di forte noia.

Nell’articolo precedente avevo anche detto che mi sarei concentrato su altro rispetto al blog, ma che comunque avrei scritto. Beh, ovviamente ho mentito. Ho scritto poco e la voglia, per il momento, non c’è. Complice il fatto che abbia intenzione di andare avanti con quello che sto facendo con molta calma, senza forzare troppo la mano, non mi stupisce poi molto. Tra l’altro, anche per eventuali racconti brevi, non ho assolutamente idee. Quindi, almeno per ora, a livello di scrittura non c’è un cazzo da dire. Shame on me.

E, ora, un po’ di note random.

Per quanto riguarda la musica, debbo dire che il colloquio con mio zio sarà chiarificatore in un senso o nell’altro. Per il momento, però, posso dire che i Talking Heads sono tantissima roba.

Mentre mi asciugavo i capelli, mi sono accorto di come non sia più in grado di cagare una riflessione profonda nemmeno previo equo pagamento. Non che senta la mancanza dei post pseudofilosofici di cui non frega un cazzo a nessuno (nemmeno a me, tanto per capirne). Fortunatamente, a supplire a questa mancanza, ci sono le blogger. Loro sono bravissime nel farlo: riescono a trarre un insegnamento di vita o una riflessione di carattere generale da un’unghia rotta. Grazie, ragazze.

Il viaggio in fumetteria si avvicina. Entro fine agosto, metterò le mie luride zampacce sul numero 600 di Amazing Spider-man e niente sarà più come prima. Ovviamente, l’hype è a mille. Tra le altre cose, inizierò a riportare al mio fumettaro un po’ di manga che sono nell’armadio ad occupare spazio.

Non avendo internet, oggi è stata una giornata traumatizzante: ho controllato la mail dal cellulare e mi sono ritrovato con otto email di notifica da wordpress. E, tra l’altro, ho almeno tre commenti da moderare più la coda di spam. This is madness. D’altro canto, shit happenz.

Gods be good, fortunamente ho finito di sprecare il vostro tempo.

Questo è quanto.

Cya.

Bonus:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Annunci

12 commenti

Archiviato in Diario

Malinconia e Riflessioni

E in un uggioso pomeriggio di pioggia, classico delle zone del milanese, che inspiegabilmente il mio buon umore è andato man mano deteriorandosi, portandomi in una condizione d’animo malinconica.

Malinconia che non so da cosa nasca.  Sarà la morbosa sensibilità e la facilità con cui muto umore che mi caratterizzano oppure c’è qualcos’altro? Provare a capirlo non è facile, ci sono miriadi di variabili che potrebbero sfuggirmi.

Comunque dopo una rapida analisi della mia situazione negli ultimi giorni (settimane?) per giustificare questo senso di malinconia di cose ce ne sono e non poche.

Si parte dalla notte del 24 in cui mi è scappato il cane, che ancora non è tornato e di cui ormai non crediamo vi sia un ritorno. Dopo quattro giorni di pace, il 29 rompo con  la mia “ragazza”. Il primo gennaio ho una discussione sempre con lei. Discussione che segnerà l’allontanamento definitivo tra noi. Aggiungiamo l’accidia dovuta all’imminente ritorno a scuola e completiamo il quadro dell’attuale situazione.

A  questo va aggiunto come detto prima la mia morbosa sensibilità (artistica e non) e la facilità con cui cambio umore. Umore in questi ultimi giorni quanto mai instabile, con picchi di buon umore accompagnati da momenti di cattivo umore o indifferenza.

Indifferenza che è un grande problema che mi affligge oramai da tempo immemore. E’ un rifugio per non soffrire, è compagna della noia derivata dalla mancanza di stimoli e mi rende distaccato, freddo nei confronti degli altri.

Distacco e freddezza che effettivamente, già senza indifferenza, mi appartengono in modo spiccato dopo anni e anni di duro lavoro e allenamento.

Ma come ogni altra singola volta a rendermi malinconico sono ancora i ricordi. Una canzone, una strada, un pensiero ramingo ed eccomi a riflettere e a pensare al passato.

Passato a cui forse sono ancora troppo ancorato, ma che è indiscutibilmente qualcosa di fondamentale per me perché, infondo, è il passato che mi ha reso la persona che sono. Sia chiaro che “non vivo nel passato” come si sarebbe portati a pensare ma comunque lo tengo ben presente in mente per non commettere gli stessi errori.

Paradossalmente è il passato a darmi preoccupazioni o pensieri nonostante in futuro abbia non poche “difficoltà” da affrontare. Difficoltà che non mi spaventano e che so di poter superare senza problemi.

E il presente? Beh, il presente è nebuloso, poco chiaro.  Tanti punti di domanda che si susseguono. Ricerca di un equilibrio che per il momento è precario. Scegliere la strada che dovrò percorrere in futuro, finite le superiori. Capire se i limiti che ho possano essere superati o risulteranno ancora una volta invalicabile. Insomma tutti questi pensieri affollano la mia mente e sgomitano per ricevere l’attenzione tanto agognata.

Qualcuno mi disse: “Tu pensi troppo, vivi l’età che hai”, forse aveva ragione. E’ vero io penso molto e ogni giorno le mie certezze sono sottoposte a pesanti pressioni e vengono valiate attentamente. Quante volte le mie certezze si sono rivelate erronee? Molte, forse troppe. Probabilmente è stato questo a farmi giungere alla seguente conclusione:  “le certezze umane non sono altro che castelli di carta esposti al vento”.

Castelli di carta che mi trovo ogni volta a smontare e rimontare nei più disparati modi. Ma un castello di carta può davvero resistere imperituro al forte vento? Sinceramente non so. Perché infondo i castelli siamo noi a costruirli così come siamo noi a permettere che il vento del dubbio soffi.

Ma come sempre non ci sono solo cose negative o dubbi. Semplicemente ci è più naturale soffermarci su questi aspetti. O per lo meno è così per me.

Volendo essere sinceri le cose positive forse non le apprezzo abbastanza o non do loro il giusto peso. Infondo sono circondato da persone che stimo e che credo mi stimino, ho tutto quello che posso desiderare (o quasi), a scuola vado bene e fortunatamente so ragionare con la mia testa, nel bene e nel male.

Per concludere questo post citerò Marge che disse a Lisa:  “Lisa, sei troppo intelligente per vivere felice.” La felicità diviene un’utopia man mano che l’intelligenza aumenta oppure felicità e intelligenza possono convivere? Oppure, ancora, una persona “troppo” intelligente è destinata alla malinconia, a causa dell’intelligenza?

Domande, queste, a cui ancora non so rispondere con sicurezza.

Lascia un commento

Archiviato in Diario

In Un Freddo Pomeriggio Di Gennaio

Strappato via dal mio stato d’apatia vacanziera mi son trovato, soprattutto questo pomeriggio, a riflettere, o meglio a ricordare.

Vagando tra gli svariati ricordi ho avuto modo di soffermarmi su poche particolari figure e pochi avvenimenti.

Passando in rassegna gli ultimi tre o quattro anni, ci sono quattro figure femminili di spicco nella mia vita, ragazze che in un modo o nell’altro si erano rivelate un enorme punto di domanda e per molti aspetti lo sono tuttora. Persone, loro, che nel bene e nel male mi sono state vicine. Così come, io, gli sono stato vicino per quanto mi fosse possibile.

Mi sono ritrovato spesso e volentieri a fare un paragone tra loro e nonostante alcune minime somiglianze a livello fisico-caratteriale, si rivelano tutte molto diverse.  Tutte e quattro, è innegabile, mi affascinavano e ancora oggi mi affascinano, diciamo quindi che in ognuna di loro vedevo qualcosa del mio irraggiungibile (e quasi utopistico) “modello di donna tipo”. La componente estetica, la complicatezza che le contraddistingueva, il sottile senso dell’ironia, l’intelligenza e l’arguzia erano più o meno presenti in tutte e quattro, in modo più o meno spiccato a seconda della persona. E tre di queste persone hanno in comune il fatto di appartenere al mio passato e non al presente.

Sempre riguardo a una di queste ragazze mi lascia confuso l’ancora presente vago e nostalgico  sentore che la sua personalità esercita su di me.

Un’altra  ragazza invece si è rilevata importante per la mia attività di “scrittore” (virgolettato perché non mi considero uno scrittore), infatti era sotto sue pressioni che continuai il racconto iniziato in quel periodo, e in seguito abbandonato, con continuità.

Attività che comunque non si è mai interrotta del tutto e che mi ha portato con risultati alterni a scrivere prima sul blog di windows live messenger e poi qui su WordPress.  Wordpress che è servito per vari esperimenti (alcuni riusciti e altri meno) che sfruttavano le mie (discutibili) capacità di blogger.

Tralasciando l’aspetto sentimentale e compositivo passerei agli avvenimenti e lo faccio sfruttando questa mia riflessione:  “Chi dice che anche se potesse tornare indietro non cambierebbe nulla è un ottimo bugiardo. In primis inganna se stesso e poi gli altri.”.

Io fino a poco tempo fa ero una di quelle persone, convinte di non voler cambiare nulla, eppure con occhio maggiormente critico e con un po’ più di maturità (cinismo?) ammetto di aver buttato nel cesso un sacco di occasioni e di aver tirato lo sciacquone senza nemmeno pensarci su troppo. Opportunità di lavoro buttate via, opportunità nella vita non sfruttate o ancora il non aver sfruttato a pieno le mie capacità.

Errori questi che, difficilmente, si possono rimediare. Opportunità quelle perse che avrebbero potuto rendermi una persona diversa (non è detto migliore) con conoscenze e personalità differenti. D’altronde ad ogni scelta equivale una rinuncia e in quei momenti, probabilmente, la scelta fatta mi pareva la migliore o la più conveniente. Cosa che col senno di poi o con gli attuali punti di vista si è rivelata erronea. Ma ormai è passato.

Il presente, come già detto all’inizio, è un apatico susseguirsi dei giorni finali delle vacanze natalizie interrotto dai compiti delle vacanze. Compiti delle vacanze che mi hanno fatto realizzare che anche questa (dis)avventura, che è la scuola,  sia ormai giunta alla conclusione.

Questa cosa mi ha portato, finalmente, a decidere del mio futuro. E la strada che ho deciso di intraprendere, per quanto lunga e tortuosa sarà, è Giurisprudenza. Ovviamente se verranno raggiunti i risultati sperati. Altrimenti, nel caso di mancanza di risultati e/o voglia di andare all’università, il mondo del lavoro avrà un disoccupato in più.

Se in futuro mi aspetta un bivio da cui dipenderà il resto della mia vita, il presente è apaticamente statico, non mi resta che fare come il Leopardi, perché “il naufragar m’è dolce in questo mare” di ricordi.

3 commenti

Archiviato in Diario