Archivi tag: Ruby

Nota Politica

E, nonostante avessi detto che di politica per un po’ non ne avrei parlato, rieccomi qui. Gli ultimi avvenimenti mi “costringono” ad occuparmi di quanto succede nel Bel Paese dopo le elezioni di febbraio.

Perché, nonostante non ci sia stato un vincitore, nonostante le scene da psicodramma a cui abbiamo assistito durante le elezioni del Presidente della Repubblica, un governo ce l’abbiamo. Il Governo Letta non è altro che la naturale continuazione del governo Monti. La strana maggioranza, infatti, si è ritrovata sotto un unico vessillo per traghettare il paese fuori dalla crisi. Dopo alcuni giorni passati in monastero (da cui però, purtroppo, poi sono usciti) i membri del governo si sono messi subito al lavoro per affrontare alcuni degli argomenti che al momento sembrano ricoprire un ruolo centrale: l’Imu. Imu che, stando al PdL, avrebbe dovuto essere ridata ai cittadini che l’avevano pagata. L’ovvia impossibilità di farlo, però, non li ha fermati. Per questo motivo, nonostante i Comuni abbiano più bisogno che mai dell’entrate derivanti dall’imposta sugli immobili, sono riusciti a far congelare il pagamento dell’imposta sulla prima casa. Oltre a questo, il Governo, sta cercando il modo di evitare l’aumento di un punto dell’IVA (dal 21% al 22%). Il problema, però, resta sempre quello della copertura. È molto probabile che si assisterà ad altri tagli oppure verranno introdotte nuove tasse per finanziare la copertura. Di tagli alle spese della politica, di riforma elettorale e di riforma costituzionale non si sente più parlare da parecchio tempo. Tutti i buoni propositi mostrati in campagna elettorale sono completamente svaniti, nonostante almeno la riforma elettorale credo sia fortemente necessaria.  L’impegno governativo è, per il momento, concentrato sul mondo del lavoro. Hanno dato vita ad una serie di meeting a livello europeo ed internazionale sul mondo del lavoro e i giovani. A tutto questo parlare, però, non sono seguiti i fatti. La situazione è in continua evoluzione e quindi non ci resta che stare a vedere. Per onore della cronaca va anche detto che grazie al lavoro del governo Monti, l’Italia non è più sotto osservazione dato che il rapporto Deficit/PIL è calato sotto il 3%.

Nel frattempo il PD, dopo l’exploit alle amministrative, ha già mosso i primi passi verso il congresso che si terrà ad ottobre. Questo congresso potrebbe segnare la svolta tanto attesa dagli elettori del Partito Democratico, nato male e cresciuto anche peggio (guardando i risultati a livello nazionale). Per il momento, l’unico candidato ufficiale è Pippo Civati. Ex consigliere di Regione Lombardia e nuovo parlamentare, Civati rappresenta una delle tante facce nuove arrivate in Parlamento. Tempo addietro diceva che nel PD c’era il terrore di utilizzare la parola “Sinistra” e che l’utilizzo e i valori legati a quella parola andassero riscoperti. Altro probabile contendente è Matteo Renzi. Il Sindaco di Firenze, uscito sconfitto dalle primarie del 2012, si è detto pronto ad assumersi la responsabilità di guidare il partito, ricoprendo la carica di segretario. Ha anche esplicitato che lui non crede che la carica di sindaco sia incompatibile con la segreteria del partito. Le strade di Civati e Renzi, tornano ad incrociarsi: i due, infatti, hanno dato vita al movimento dei rottamatori prima di prendere strade diverse. Terzo probabile candidato è Guglielmo Epifani. L’attuale segretario ad interim, infatti, sembra esser riuscito a ricompattare le fila del partito e a condurlo di nuovo in acque tranquille. Probabilmente sarebbe un outsider, ma non mi sento di escludere che alla fine il suo nome compaia davvero. Personalmente, sosterrò la candidatura di Pippo Civati, avendo avuto la fortuna di incontrarlo e parlarci più volte. Nel PD che vorrei, Civati sarebbe Segretario e Renzi candidato Presidente del Consiglio.

Il PdL, invece, è scosso dalla condanna a sette anni di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici di Silvio Berlusconi, in seguito alla sentenza del processo Ruby. Nonostante questo, gli uomini di governo del partito, continuano ad assicurare che non c’è nulla da temere sulla tenuta del governo. E, questa volta, c’è da credergli. Il PdL, infatti, sta facendo la parte del leone in questo momento avendo ottenuto, almeno in parte, quanto previsto da loro in materia fiscale (leggasi sopra). Inoltre, andare alle elezioni non potendo contare sulla presenza di Berlusconi potrebbe essere un rischio per l’intero partito che, da quando il fondatore era sparito, aveva mostrato segni di sofferenza. D’altro canto, proprio la minaccia di elezioni potrebbe spingere il PD (non pronto alle elezioni) a decidere di cercar di correre in aiuto del Cavaliere. Tra l’altro, come i più attenti osservatori avranno notato, Berlusconi si divide tra uomo di “lotta”, con toni da campagna elettorale, e uomo di “governo” assicurando la stabilità dell’esecutivo targato Letta. Importante sottolineare anche come il centro-destra nelle recenti amministrative sia stato annichilito ovunque dal centro-sinistra.

E, in ultimo, mi soffermo brevemente su M5S. La mia antipatia nei confronti del Movimento è ormai cosa nota e risaputa e quanto avvenuto da quando si è formato il nuovo Parlamento non ha fatto altro che confermare le mie perplessità e i miei dubbi. Dopo le altisonanti dichiarazioni di Grillo in campagna elettorale, infatti, ci troviamo a parlare del Movimento non per quanto fatto in Aula, ma per quanto lo sta travolgendo fuori. Il caso diaria e il caso Gambaro, infatti, sono i segni di una lotta intestina che vede i fedelissimi scontrarsi con quelli che potremmo definire “eretici” o “rivoluzionari”. Una situazione già non facile è stata ulteriormente complicata dal fallimento del Movimento alle amministrative (un solo capoluogo vinto). Grillo pare aver perso la presa sul Movimento o su una parte di esso e, per quanto queste tensioni per il momento siano culminate solo con alcuni abbandoni, è indubbio che ci saranno strascichi che si trascineranno a lungo. Se la situazione dovesse peggiorare ulteriormente (e la cosa non mi sembra così improbabile) potremmo assistere a quanto accaduto al PD durante l’elezione del Presidente della Repubblica. Ammesso e non concesso che qualche parlamentare riesca ad evitare l’espulsione. Non si può fare a meno, però, di chiedersi se la strategia del “no a tutto e a tutti” abbia portato ai risultati sperati oppure anche in Grillo si stia facendo strada l’idea di aver buttato l’occasione di avere un governo diverso che avrebbe potuto provare sul serio a cambiare le cose.

D’altronde, coi se coi ma non si fa la storia.

Questo è quanto.

Cya

Bonus (unreleated):

Annunci

2 commenti

Archiviato in Politica & Società

Puttanate varie e il nucleare

Non credevo di tornare a scrivere qui, data anche la mancanza di argomenti pseudo-interessanti da narrare a chi, per caso, fosse passato di qui. Non che ora le cose siano cambiate, eppure, il desiderio di lasciare anche solo queste poche righe qui s’è palesato questa mattina appena sveglio.

Solitamente avrei desistito appena riacquistata la lucidità necessaria a capire dove mi trovavo in quel momento e perché fossi in quelle condizioni ma, per colpa di un amico, ho deciso di non desistere questa volta. Ed eccomi qui a scrivere cose prive di significato ed di qualsiasi interesse per chiunque, compreso il sottoscritto. Ieri era il compleanno numero centocinquanta dell’Italia e, polemica politica a parte, devo dire che è stato qualcosa che non mi ha molto toccato. Su feisbug (definibile anche l’origine di ogni male nella società civile di oggi) una marea di ragazzini (e non solo, purtroppo) ha avuto la geniale iniziativa di “boicottare” i festeggiamenti in corso per dedicarsi al festeggiamento di San Patrizio. Liberissimi di farlo se avessero avuto dei motivi validi ma, ovviamente, di motivi validi non ve n’era l’ombra. Il vero motivo che emergeva, discutendone, era il seguente: “Fa figo fare il bastian contrario e l’alternativo su internet”. Triste, molto triste, facendo conto che questi stessi ragazzini non hanno la più pallida idea del significato intrinseco che la festa di ieri avrebbe dovuto rappresentare.

Saltando di palo in frasca, l’altro ieri ho raggiunto il venerando ed invidiabile traguardo del quinto di secolo. Nei giorni precedenti, in una depressiva introspettiva, mi sono chiesto che significato abbia il tempo per il mondo. Per l’essere umano, il tempo, è qualcosa di chimerico, guardato con timore. Il tempo è l’entità astratta che, passando, lo avvicina sempre di più alla morte. Ma stando ben a guardare, l’uomo non occupa che una piccolissima parentesi nella lunga storia della terra e, il concetto di tempo, è stato proprio introdotto dall’essere umano. E, come ben capirete anche voi, non è stato di certo il modo migliore per prepararsi psicologicamente e mentalmente alla conclusione del mio ventesimo anno di vita. Quindi, mi sento di consigliarvi questo: se avete una vita sociale, sfruttatela e non fatevi seghe mentali di questa risma, oppure ve ne pentirete!

Dato che stiamo parlando di cose attuali, come non commentare (seppur brevemente) quanto accaduto in Giappolandia? Eh sì, hanno preso proprio una bella sberla eppure sono rimasti (maniacalmente, devo dire) composti. Discutendone a tavola con mia madre, in un raro momento di saggezza che mi coglie mentre mi strafogo, dissi “I giapponesi li spezzi, ma non li pieghi. Sono davvero ammirevoli”. Dopo questa perla rara, mentre mi strafogavo al telegiornale ho sentito una notizia che mi ha perplesso assai: a Fukushima, in piena crisi nucleare, centoottanta volontari sono rimasti lì per “cercare di risolvere la situazione”. Ora, non fraintendetemi, è un gesto lodevole senza ombra di dubbio ma…È assolutamente inutile. Se avessero potuto fare qualcosa lo avrebbero fatto subito e non ci sarebbe stato nessun disastro nucleare. L’unica cosa che otterranno lì sarà, probabilmente, un tumore. Sono sicuramente eroi. Eroi suicidi, però.

Rimanendo in tema di perplessità e nucleare, come non si può parlare degli italiani che dicono “Sì, al nucleare. Tanto ce l’hanno anche in Francia, Germania e Spagna. Se succedesse qualcosa saremmo tutti coinvolti comunque”. Bene, d’accordissimo, ma voi, esimie teste di cazzo vi rendete conto che la Germania, la Francia e la Spagna non sono l’Italia? Vi rendete conto che in quei paesi ci sono controlli che in Italia non farebbero nemmeno tra sei secoli? Io, davvero, non lo so. Tra l’altro, gli individui di prima, accampano ragioni quali: “Alla fine saremmo autonomi nella produzione d’energia. Tra l’altro è una forma di energia pulita che ci permetterà di risparmiare in futuro”. Quando le mie povere orecchie odono queste cose, non posso fare a meno di chiedermi “Perché? Perché dite queste puttanate? Perché?”. Spieghiamo bene un po’ come vanno le cose in realtà:

1) Saremmo autonomi in fatto di energia anche se puntassimo su quella cosa chiamata “energia rinnovabile”. Questa sconosciuta in cui, stranamente, l’Italia è all’avanguardia non viene presa in considerazione dal attuale governo per qualche misterioso motivo noto solo a loro (Insomma, a dirla tutta: costruendo centrali nucleari anche loro avrebbero il loro guadagno)
2) Il nucleare non è un’energia pulita. Produce quei fastidiosi scarti chiamati “scorie radioattive” nocive per l’uomo e che richiedono un sistema di stoccaggio all’interno di magazzini che dovrebbero essere sottoposti a minuziosi, attenti e severissimi controlli.
3) L’uranio, senza il quale le centrali non funzionerebbero, è un minerale estremamente raro il cui prezzo è piuttosto elevato. Basti pensare che abbiamo più riserve di carbone, gas metano e petrolio (presi individualmente) rispetto a questo prezioso minerale.
4) I soldi risparmiati nel comprare energia verrebbero spesi per la costruzione delle centrali nucleari, i magazzini dove verranno stoccate le scorie, lo smaltimento dei rifiuti tossici e tutte le spese legate a quanto qui elencato. Siete davvero sicuri che convenga? 5) Creerebbe nuovi posti di lavoro? Certo. Peccato che in Germania, entro il 2050, verrà abbandonato il nucleare per passare alle energie rinnovabili. Da 30.000 persone circa occupate nel settore, si passerà a 340.000 circa. Dieci volte tanto e scusate se è poco.
6) In Italia, tra l’altro, c’è il pericolo che le ecomafie colpiscano provocando enormi danni all’ambiente e all’uomo. Non sarebbe la prima volta se riuscissero ad ottenere i diritti per occuparsi dello stoccaggio delle scorie, se voi sapendo questo riuscireste a dormire tranquilli, vi invidierei un sacco.
7) La maggior parte delle Regioni italiane o non sono adatte per motivi geofisici alla costruzione delle centrali o non vogliono che vengano costruite sul proprio suolo, quindi, mi chiedo e vi chiedo: dove dovremmo costruirle? In mezzo al mare? In cielo? Nel Sud Italia lasciandole in mano alla mafia? Io, davvero, non lo so.

Ora, cambiando nuovamente argomento, il 6 aprile si avvicina e il caro vecchio Berlusconi (ancora in cerca di un escamotage per non presentarsi al processo) si è dichiarato vittima di un complotto da parte di alcuni magistrati politicizzati che si sarebbero asserviti alla Sinistra per impedirgli di portare a termine il suo mandato. Mentre questo docile perseguitato si lamenta di questo, la procura ha ufficialmente depositato un fascicolo dove si dimostra che Ruby (sì, proprio la nipote di Mubarak) sia stata abbordata a sedici anni. Nel frattempo, il Presidente della Repubblica più amat…No, scusate, Pertini è morto (pace all’anima sua). Dicevo, il Presidente della Repubblica Napolitano invita ad abbassare i toni del confronto politico e afferma che “Il Federalismo renderà più unità l’Italia”. Ora, io non voglio dubitare delle parole di questo dolce e tenero vecchino, ma si può sapere come sia possibile che il Federalismo unisca anziché separare? Perplessità che raggiunge livelli allucinanti, quando ci rifletto su.

E, sicuramente, non può mancare l’angolo sportivo (qui, vi giuro, sarò molto telegrafico)

– L’Inter ha pescato lo Schalke e qualcuno ha avuto il coraggio di avanzare il dubbio sulla veridicità e la regolarità di tale sorteggio. È un fottuto Rexas organizzato da Massimo Moratti e la Uefa per prendere il controllo del mondo.
– Il Milan è senza il suo giocatore più importante: Cammello Ibra, che è stato spedito in un’oasi per tre giornate. Ma per il mister Allegri “il Milan farà beeeene” anche senza di lui.
– La mia squadra, la Juve: vorrei prenderla per il culo, ma ci pensa già la classifica a farlo, quindi…

Quindi è arrivato il momento dei saluti. Alla prossima!

2 commenti

Archiviato in Diario, Politica & Società, Riflessioni